Colon efficace prevenzione del cancro Trattamento Scoperto

Marzo 17, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Usando una combinazione di un agente anticancro mirata chiamato DFMO e una bassa dose di un farmaco anti-infiammatorio, i ricercatori UC Irvine hanno ridotto il rischio di polipi colorettali ricorrenti, un segno precoce di cancro al colon, di ben il 95 per cento con meno effetti collaterali tossici.

Lo studio segna un importante passo avanti nello sforzo per combattere il cancro al colon, la terza causa di cancro negli uomini e quarto nelle donne, secondo il dottor Frank L. Meyskens Jr., il presidente Daniel G. Aldrich a UC Irvine e direttore del Chao Famiglia Comprehensive Cancer Center.

"C'è una grande speranza che saremo in grado di prevenire il cancro del colon in modo efficace con questo metodo", ha detto Meyskens, che ha guidato lo sforzo di sperimentazione clinica per testare questa combinazione di droga. Egli presenterà le sue conclusioni 14 aprile presso l'American Association for Cancer Research riunione annuale a San Diego.




In studi precedenti, Meyskens aveva stabilito una dose sicura e ben tollerata di DFMO (difluorometilornitina), che era 1/50 di quello che viene in genere utilizzato per il trattamento di tumori avanzati. Combinando questa dose ridotta di DFMO con un non-steroidei farmaci anti-infiammatori chiamati sulindac, i ricercatori credevano di poter migliorare il trattamento e diminuire il ripetersi di polipi del colon potenzialmente cancerogene con ridotti effetti collaterali tossici.

DFMO è la base della eflornitina droga, inizialmente sviluppato come un farmaco antitumorale e non è più prodotto commercialmente a tale scopo. Sulindac è venduto commercialmente come Clinoril e viene utilizzato per trattare l'artrite e altre condizioni infiammatorie.

I ricercatori hanno arruolato 375 pazienti con una storia di almeno un polipo del colon-retto, o adenoma, nei cinque anni precedenti. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno una combinazione di 500 mg al giorno di DFMO e 150 mg di sulindac o placebo. I pazienti sono stati seguiti per tre anni, e adenoma recidiva è stata misurata mediante colonscopia.

Tra i risultati:

  • Rischio complessivo per adenoma ricorrenti: 41,1 per cento nel gruppo placebo al 12,3 per cento nei pazienti trattati, una riduzione del 79 per cento
  • Rischio per adenomi avanzati ricorrenti: 8,5 per cento in gruppo placebo a 0,7 nei pazienti trattati, una riduzione del 92 per cento
  • Rischio per adenomi più grandi di un centimetro: il 7 per cento nel gruppo placebo allo 0,7 per cento nel gruppo di trattamento, una riduzione del 90 per cento.
  • Tasso di ripetere adenoma tra i pazienti che avevano precedentemente avuto più di un adenoma: 13,2 per cento nel gruppo placebo a 0,7 per cento nel gruppo di trattamento, una riduzione del 95 per cento.

Il tasso di riduzione è stato così pronunciato che i dati e il controllo della sicurezza a bordo indipendente del processo interrotto il processo inizi.

Un'analisi degli effetti collaterali e la tossicità trovato alcuna differenza tra i gruppi di trattamento e il gruppo placebo. Non c'era differenza anche effetti collaterali che richiedono un ricovero overnight, effetti collaterali gastrointestinali o effetti collaterali cardiovascolari tra i due gruppi.

"Quello che abbiamo dimostrato è che c'è un valore in fase di test questi farmaci a dosi più basse e in combinazione per stabilire se siamo in grado di ottenere lo stesso effetto senza gli effetti collaterali dannosi", ha detto Meyskens.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha