Combinando Trattamenti Liver Cancer Doubles tassi di sopravvivenza, studio suggerisce

Aprile 29, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Combinando l'uso di stent e terapia fotodinamica, chiamato anche SpyGlass, i medici della University of Virginia sono stati in grado di aumentare in modo significativo i tassi di sopravvivenza per i pazienti affetti da colangiocarcinoma avanzato, il cancro del dotto biliare fegato.

"La maggior parte dei pazienti che sviluppano questo tipo di cancro non possono avere un intervento chirurgico in quanto viene diagnosticata in una fase così tardi, quindi non c'era molto che potessimo fare tranne offrire loro cure palliative", ha detto University of Virginia Gastroenterologo Michel Kahaleh, MD, investigatore principale dello lo studio. "Combinando le terapie, abbiamo visto un tasso di sopravvivenza migliore da poco più di 7 mesi a più di 16 mesi."

Nello studio, recentemente pubblicato nel numero di marzo 2008 di Clinical Gastroenterology and Hepatology, 48 pazienti sono stati trattati con colangiocarcinoma avanzata nel corso di un periodo di cinque anni. Ventinove pazienti sono stati trattati con stent biliari, con il restante 19 in trattamento con stent e terapia fotodinamica (PDT). Gli stent decomprimere i dotti biliari, mantenendo la funzione epatica. Il gruppo di terapia combinata ha ricevuto un trattamento ogni tre mesi, momento in cui sono stati sostituiti tutti gli stent.




Il gruppo di terapia combinata avevano tassi di sopravvivenza di 16,2 mesi rispetto alla stent solo del gruppo 7,4 mesi. I tassi di mortalità nel gruppo che ha ricevuto PDT era 0, 16, e 56 per cento a tre, sei e 12 mesi, rispettivamente. I tassi di mortalità nel stent-unico gruppo erano 28, 52, e 82 per cento rispettivamente. Kahaleh ha detto che il numero di procedure di stent-sostituzione e sessioni PDT erano gli unici fattori che hanno inciso in modo significativo la sopravvivenza.

Trattamento Terapia fotodinamica utilizza un agente fotosensibilizzante (porfimer sodico in questo studio), che viene attivato con la luce di una specifica lunghezza d'onda, che poi uccide le cellule bersaglio. PDT è stato usato per più di un decennio per distruggere le cellule tumorali e ridurre la dimensione del tumore.

Il cancro delle vie biliari fegato è il secondo tumore del fegato più comune ed ha una significativa mortalità e mortalità. Dei circa 2.000 casi diagnosticati ogni anno, la maggior parte dei pazienti sopravvive fino a tre mesi senza alcun intervento o quattro a sei mesi, con trattamento di decompressione.

"Stent solo non distruggono o restringono i tumori o cellule tumorali. Non siamo rimasti sorpresi che la terapia combinata offre un significativo beneficio per il paziente, in quanto questo è accettato trattamento in Europa," ha dichiarato Kahaleh. "Tuttavia la FDA (Food and Drug Administration) vuole vedere più dati così abbiamo completato ciò che crediamo sia il primo pubblicato comparativo studio americano sul trattamento."

Kahaleh spera di iniziare un processo multi-centro entro sei mesi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha