Combinazione di due farmaci potrebbe rallentare il cancro alla tiroide mortale

Giugno 11, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una combinazione di farmaci pazopanib e paclitaxel mostra la promessa nel rallentare il cancro della tiroide anaplastico (ATC), secondo uno studio della Mayo Clinic guidato pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. I due farmaci insieme portato a una maggiore attività anti-cancro in ATC che da solo droga, afferma il capo ricercatore Keith Bible, MD, Ph.D., un oncologo Mayo Clinic.

Cancro della tiroide anaplastico è una forma rara ma devastante di cancro alla tiroide che colpisce di solito gli uomini e le donne nei loro anni '60 e '70. È molto aggressivo, con una sopravvivenza media di soli 5 mesi dal momento della diagnosi. Solo il 20 percento dei pazienti sopravvive oltre un anno di diagnosi, ed è stato storicamente trovato per essere resistenti alla maggior parte delle terapie.

Pazopanib, una chinasi-inibitore che interferisce con la crescita delle cellule tumorali, è già stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento di tumori renali. Paclitaxel è un farmaco chemioterapico approvato dalla FDA, che sconvolge le macchine coinvolte nella divisione cellulare.




I ricercatori hanno studiato le cellule tumorali della tiroide anaplastico e tumori in colture cellulari e in modelli animali. Cellule ATC umani sono stati prontamente uccisi, e tumori ATC impiantati in topi erano 50 percento più piccolo quando trattati con la combinazione rispetto alla risposta al trattamento con farmaco da solo. La terapia Pilota di un paziente con cancro della tiroide anaplastico metastatico con la combinazione ha portato anche in marcato restringimento del tumore durata oltre sei mesi. "Questo è stato un risultato molto inaspettato per questo tipo di tumore aggressivo, che spesso può raddoppiare in dimensioni nel giro di pochi giorni," dice il Dott Bibbia.

In studi precedenti, solo pazopanib è stato trovato non è efficace nel trattamento del cancro della tiroide anaplastico. Paclitaxel è stato aggiunto per affrontare l'aggressività dei tumori del cancro della tiroide anaplastico e rafforzare gli effetti anti-cancro. Il team ha studiato come i due farmaci potrebbero completarsi a vicenda.

Monitoraggio cellule tumorali si moltiplicano in video time-lapse al microscopio, i ricercatori hanno osservato che la combinazione di droga provocato divisione cellulare anormale e un aumento della morte cellulare ATC. Anche se pazopanib non fosse stato conosciuto per influenzare specificamente divisione cellulare, i ricercatori ipotizzato che il farmaco potrebbe avere un altro target molecolare riconosciuto all'interno delle cellule tumorali.

"Abbiamo finito di apprendimento che pazopanib avviene anche per inibire una proteina coinvolta nella divisione cellulare noto come aurora A; questa proprietà sembra essere coinvolto nella produzione di effetti avanzati quando pazopanib è combinata con paclitaxel," dice il Dott Bibbia. "Questa scoperta suggerisce che la combinazione può anche essere utile nel trattamento di altri tumori, come il cancro al seno, in cui aurora A volte è risultato essere presente in quantità elevate, come in ATC," dice il Dott Bibbia.

I risultati hanno anche richiesto un studio clinico randomizzato multicentrico in corso, condotto da Mayo Clinic e Memorial Sloan-Kettering Cancer Center e amministrato attraverso il Oncology Group Radioterapia, testare la combinazione di due farmaci quando aggiunto alla terapia di radiazioni per il trattamento iniziale dei pazienti con anaplastico cancro alla tiroide.

"Questo importante passo successivo è stato progettato per determinare se la combinazione di farmaci migliorerà la sopravvivenza del paziente ATC rispetto al solo paclitaxel," dice il Dott Bibbia.

La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health concede CA125750 e CA13666 e lo Stato della Florida Department of Health Bankhead-Coley Cancer Program. Co-autori includono Crescent Isham, Ayoko Bossou, Vivian Negron, Wilma Lingle, Ph.D., Vera Suman, Ph.D. di Mayo Clinic di Rochester, Robert Smallridge, MD, John Copland, Ph.D., e Laura Marlow di Mayo Clinic di Jacksonville, Fla .; Kelly Fisher e Rakesh Kumar, Ph.D., di GlaxoSmithKline; e Eric Sherman, MD, del Memorial Sloan-Kettering Cancer Center.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha