Come il sistema immunitario e cervello comunicano il controllo delle malattie

Maggio 7, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In un passo importante nella comprensione di come il sistema nervoso e il sistema immunitario interagiscono, scienziati dell'Istituto Feinstein per la ricerca medica hanno individuato un nuovo percorso anatomica attraverso cui il cervello e la milza comunicare.

La milza, una volta pensato per essere un po 'inutile di tessuto, è ora considerato come un organo in cui le informazioni importanti dal nervoso raggiunge il sistema immunitario. La comprensione di questo processo potrebbe in ultima analisi portare a trattamenti che colpiscono la milza per inviare il messaggio giusto quando si combatte la malattia umana.

Mauricio Rosas-Ballina, MD, lavorando con i colleghi nel laboratorio di Kevin J. Tracey, MD, capito che i macrofagi della milza facevano fattore di necrosi tumorale, una potente molecola infiammazione produzione. Quando stimolato il nervo vago, un lungo nervo che va dalla base del cervello in organi toracici e addominali, fattore di necrosi tumorale (TNF) produzione nella milza diminuito. Questo studio integra la ricerca precedente effettuata nel laboratorio del Dr. Tracey, che ha dimostrato che la stimolazione del nervo vago aumenta la sopravvivenza in modelli di laboratorio di sepsi.




I risultati sono stati pubblicati 22 luglio negli Atti della National Academy of Sciences. Molti laboratori presso l'Istituto Feinstein studiare il sistema immunitario nella salute e nella malattia. Ogni anno, circa 500.000 persone sviluppano sepsi grave, una sindrome innescato quando i salari del sistema immunitario del corpo un attacco al corpo che è ben oltre il suo normale risposta a un invasore. Sepsi uccide circa 225.000 morti negli Stati Uniti ogni anno.

Cento anni fa, la milza (che si trova nel quadrante superiore dell'addome) è stato pensato per essere unico serbatoio di sangue. E 'stato solo negli ultimi anni che gli scienziati hanno scoperto che la milza è un impianto di produzione per le cellule immunitarie, e un luogo in cui le cellule immunitarie e nervi interagiscono. La milza difende il corpo contro le infezioni, i batteri particolare incapsulati che circolano attraverso il sangue.

La speranza è di modulare altre funzioni immunitarie, come la produzione di anticorpi attraverso la milza (tramite stimolazione del nervo vago) come un modo per modificare il corso di infezioni e forse alcune malattie autoimmuni.

Dr. Rosas-Ballina iniziato seguendo il sinuoso percorso del nervo vago per stabilire il percorso che segue per raggiungere la milza. Cercava, senza molta fortuna, di trovare fibre del nervo vago in questo organo. E poi è andato un po 'più a sud al nervo milza, il nervo che innerva la milza. I loro risultati indicano che il nervo vago comunica intrinsecamente con il nervo splenica per sopprimere la produzione di TNF da macrofagi nella milza.

Secondo il paradigma dominante, il sistema nervoso autonomo è anatomicamente e funzionalmente diviso in rami simpatico e parasimpatico, che agiscono in opposizione a regolare la funzione degli organi. "La divisione tra il sistema nervoso simpatico e parasimpatico non è chiara", ha detto il dottor Rosas-Ballina, spiegando che il nervo vago (la principale nervo parasimpatico) agisce attraverso il nervo della milza di modulare la funzione immunitaria. Egli ha detto che i risultati di questo studio suggeriscono che ci possono essere due modi separati il ​​cervello comunica con la milza di regolare la funzione immunitaria. Questo indica la strada per una possibile soluzione per il trattamento di sepsi. Essa può essere più efficace di sfruttare il sistema nervoso centrale per controllare cellule della milza. In questo modo, "si sa dove il trattamento è in corso", ha detto il dottor Rosas-Ballina.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha