Come le cellule normali diventano tumori cerebrali

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il lavoro può aiutare a identificare nuovi farmaci per oligodendroglioma, un tipo comune di tumore al cervello bersaglio, nella sua prima fase, quando è generalmente più curabile. Eventuali farmaci potenziali individuati dovranno dimostrarsi sicuro ed efficace in studi clinici, un processo che può richiedere diversi anni.

Come descritto nella rivista Cancer Cell di questo mese, il team ha scoperto che la UCSF pool di cellule da cui tumori oligodendroglioma emergono normalmente dividono "asimmetrico" di dividere in due parti disuguali - come dare alla luce due gemelli fraterni che differire e hanno destini diversi . Quando queste cellule normali si trasformano in cellule tumorali, che cambiare marcia e cominciare dividere simmetricamente, in sostanza, dando alla luce due gemelli identici, invece.




"Questo accade presto - prima che le forme tumorali, e può fornire un punto di intervenire nel processo di tumore iniziazione", ha detto Claudia Petritsch, PhD, professore assistente di con l'UCSF Brain Tumor Research Center, che ha guidato la ricerca.

Il tumore cerebrale Research Center è parte del Dipartimento UCSF di Chirurgia Neurologica, che è costantemente classificato da US News & World Report come uno dei reparti migliori al mondo. I suoi medici effettuano più di 1.100 neurosurgeries un anno per rimuovere i tumori cerebrali, e negli ultimi 30 anni, questo lavoro ha contribuito a costruire una delle più estese repository tumore cerebrale negli Stati Uniti, con campioni di tessuto raccolti da più di 7.800 casi di cancro.

Nella loro ricerca, Petritsch ei suoi colleghi hanno usato topi geneticamente ingegnerizzati per identificare che una proteina chiamata NG2 controlla questo interruttore, e stanno lavorando sui modi per i geni che regolano il processo come un modo di combattere oligodendroglioma e forse altri tumori cerebrali bersaglio.

Perchè divisioni importanti per il cancro

Oligodendrogliomi sono insoliti tra tumori cerebrali, perché spesso rispondono ai farmaci chemioterapici. Tuttavia, il tumore ritorna spesso in una forma che è resistente alla chemioterapia e richiede la rimozione chirurgica ripetuto.

Petritsch ei suoi colleghi hanno scoperto l'anno scorso prima che i tumori oligodendroglioma derivano da un tipo di cellule progenitrici chiamate "progenitori degli oligodendrociti" che proliferano nel cervello per tutta la vita. Questi progenitori possono svolgere un ruolo importante quando il cervello è ferito moltiplicando rapidamente e aiutare a guarire le ferite.

I nuovi studi sui topi suggeriscono che manca un infortunio, questi progenitori dividono principalmente in modo asimmetrico, mantenendo un equilibrio di queste cellule nel cervello. Progenitori possono anche cambiare marcia e dividere simmetricamente invece. Gli scienziati ritengono che permette al cervello di fornire una piscina espansa di cellule in caso di necessità.

Utilizzando modelli murini di tumori e campioni di tessuto prelevati da persone con la malattia, Petritsch ed i suoi colleghi hanno dimostrato che prima che i tumori insorgono, le cellule preventivamente fanno di questo interruttore, trasformandosi da dividere in maniera asimmetrica a dividere simmetricamente.

Hanno usato bioinformatica per scoprire che decine di regolatori di divisione cellulare asimmetrica tra cui NG2 sono deregolazione in oligodendrogliomi. Il laboratorio Petritsch chiama queste "proteine ​​asimmetria" e sostiene che, se mutato probabilmente causano l'interruttore di divisioni cellulari anormali e quindi avviare la genesi dei tumori. Modulante NG2 e proteine ​​asimmetria sregolati farmacologicamente possono ripristinare le modalità di divisione normale e fornire un nuovo modo per combattere il cancro con farmaci.

Questo lavoro è sostenuto da sovvenzioni dal Tumor Foundation Nazionale Cervello, l'American Cancer Society, l'American Brain Tumor Association, il National Cancer Institute, il tumore SPORE UCSF Cervello, il Brain Tumor Research Sobrato Fondo, la Farber A e J Foundation, la Grove Foundation, il Samuel Waxman Cancer Research Foundation, la Sandler Programma UCSF in Scienze di base, la Società svedese per la ricerca medica e Medical Research Council, e il Fondo nazionale svizzero.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha