Come le nanotecnologie possono aiutare a individuare la malattia in precedenza

Marzo 25, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università del Kentucky mostra un nuovo modo di rilevare con precisione un singolo prodotto chimico a concentrazioni estremamente basse e alta contaminazione.

Lo studio, pubblicato on-line per ACS Nano, è stata effettuata nel laboratorio di Peixuan Guo, la William S. Farish sedia dotata in Nanobiotecnologie presso l'Università del Kentucky Markey Cancer Center. Lo studio dimostra che il connettore confezione nanomotor Phi29 DNA può essere usato per rilevare sostanze chimiche con tioesteri reattivi o maleimmide utilizzando test di conduzione singolo canale sulla base di tre impronte osservabili. Questo sistema di canali potrebbe essere ulteriormente sviluppato in dispositivi di rilevamento molto sensibili.

La capacità di rilevare una sostanza chimica ad una concentrazione bassa ed alta contaminazione è particolarmente importante per la sorveglianza ambientale, la sicurezza del territorio, monitoraggio dei farmaci atleta, lo screening tossina/droga, e la diagnosi precoce della malattia.




In caso di diagnosi della malattia, la produzione di un prodotto metabolico insolito è una caratteristica della malattia, ma in fase iniziale, la concentrazione di questo prodotto è molto basso. Rilevamento molecola singola faciliterà la diagnosi precoce di malattie come il cancro, in modo da agevolare il trattamento precedente.

"La sensibilità di rilevazione è una sfida importante nella diagnosi di molte malattie", ha detto Guo. "Il nostro prossimo passo è quello di trovare un prodotto metabolico di una malattia e di determinare la realtà in prima diagnosi della malattia."

"Gli studi proof-of-principio descritto in questo studio sarà esteso in futuro per progettare sonde multiple all'interno di un singolo poro per il rilevamento simultaneo di più obiettivi a livello di singola molecola in tempo reale", ha detto Farzin Haque, professore assistente di ricerca presso il Collegio di Farmacia Regno Unito, e primo autore sulla carta.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha