Composti naturali in melograni possono prevenire la crescita del tumore al seno ormono-dipendente

Ottobre 8, 2015 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Melograno è arricchita in una serie di composti noti come ellagitannini che, come mostrato in questo studio, sembrano essere responsabile dell'effetto anti-proliferativa del melograno.

"Phytochemicals sopprimono la produzione di estrogeni che impedisce la proliferazione delle cellule del cancro al seno e la crescita di tumori estrogeno-sensibile", ha detto il ricercatore principale Shiuan Chen, Ph.D., direttore della Divisione di Biologia delle cellule tumorali e co-leader del cancro al seno Programma di ricerca al City of Hope in Duarte, in California.




Precedenti ricerche hanno dimostrato che il succo di melograno - Punica granatum L - è ricco di attività antiossidante, che è generalmente attribuita a elevato contenuto di polifenoli del frutto. L'acido ellagico trovato in melograni inibisce l'aromatasi, un enzima che converte gli androgeni in estrogeni. Aromatasi svolge un ruolo chiave nella carcinogenesi del seno; Pertanto, la crescita del cancro della mammella è inibita.

Chen, insieme a Lynn Adams, Ph.D., ricercatore presso Beckman Research Institute di Città della Speranza, e colleghi, ha valutato se phytochemicals in melograni possono sopprimere aromatasi e in ultima analisi, di inibire la crescita del cancro.

Dopo lo screening e l'esame di una giuria di 10 composti ellagici-derivati ​​in melograni, i ricercatori hanno scoperto che questi composti hanno il potenziale per prevenire i tumori al seno estrogeno-sensibili. Urolithin B, che è un metabolita prodotto da acido ellagico e composti correlati, significativamente inibito la crescita cellulare.

"Siamo stati sorpresi dai nostri risultati", ha detto Chen. "Abbiamo già trovato altri frutti, come l'uva, per essere in grado di inibizione dell'aromatasi. Ma, phytochemicals in melograni e di uva sono differenti."

Secondo Gary Stoner, Ph.D., professore del Dipartimento di Medicina Interna presso l'Ohio State University, saranno necessari ulteriori studi per confermare l'azione chemiopreventiva di Urolithin B contro il cancro al seno ormono-dipendente.

"Si tratta di uno studio in vitro in cui livelli relativamente alti di composti ellagici sono tenuti a dimostrare un effetto anti-proliferativo sulle cellule del cancro al seno in coltura," ha detto Stoner, che non è associato a questo studio. "Non è chiaro che questi livelli potrebbero essere conseguiti in animali o nell'uomo, perché i ellagitannini non sono ben assorbite nel sangue quando previsto nella dieta."

Stoner crede che questi risultati sono promettenti sufficiente a suggerire che più esperimenti con melograno negli animali e nell'uomo sono garantiti.

Powel Brown, MD, Ph.D., oncologo medico e presidente del Dipartimento Clinico prevenzione del cancro presso l'Università del Texas MD Anderson Cancer Center, d'accordo con i sentimenti di Stoner e ha detto che questi risultati sono interessanti. Egli ha raccomandato che gli studi futuri si concentrano su succo di melograno test per il suo effetto sui livelli di estrogeni, i sintomi della menopausa, la densità del seno o anche come agente preventivo del cancro.

"Sono necessarie ulteriori ricerche sui singoli componenti e la combinazione di prodotti chimici per comprendere i potenziali rischi e benefici dell'uso di succo di melograno o composti isolati per un beneficio per la salute o per la prevenzione del cancro", ha detto Brown. "Questo studio suggerisce che gli studi degli ellagitannini da melograni vanno proseguite".

Fino ad allora, Stoner ha detto la gente "potrebbe considerare consumare più melograni per la protezione contro lo sviluppo del cancro al seno, e forse in altri tessuti e organi."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha