Conoscere la storia di cadute del paziente aiuterà i medici prevedere future fratture

Maggio 19, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I medici sono invitati a chiedere sulla storia di cadute del paziente come nuova ricerca dimostra che l'informazione è preziosa per determinare il loro futuro rischio di frattura.

La probabilità di un individuo subire una frattura è determinata dalla forza delle loro ossa e le forze applicate ad essi. Resistenza ossea dipende densità ossea: minore è la densità ossea maggiore rischio di fratture. Tuttavia, di solito un osso rompe solo quando è sottoposto a trauma, che nella maggior parte dei casi i risultati di una caduta.

Strumenti di valutazione del rischio di frattura, come ad esempio il modello FRAX®, sono stati sviluppati per permettere ai medici di valutare con precisione il rischio di frattura per un paziente. Il calcolo può includere informazioni sui fattori di rischio noti, come l'età, il sesso, il fumo, l'alcool, la storia familiare, e alcune malattie, con o senza la densità ossea. Tuttavia, non tutti gli strumenti di valutazione del rischio sono i dati sul fatto che la persona ha già caduto.




Nuovi dati dal Hertfordshire coorte, che è pubblicato sulla rivista Bone, hanno dimostrato che quando la conoscenza della storia di caduta viene utilizzata la capacità del medico di prevedere se un individuo si rompe un osso è ulteriormente migliorata.

Dr Mark Edwards, Clinical Research Fellow presso il MRC Epidemiology Unit Lifecourse, Università di Southampton, che ha guidato lo studio, commenta: ". In un contesto clinico, chiede se un paziente è caduto è semplice e veloce Quasi il 60 per cento di tutti i ricoveri ospedalieri a causa di fratture in Inghilterra sono il risultato di una caduta previsione frattura è molto importante per consentirci di indirizzare i trattamenti a quelli a maggior rischio:.. valutare la storia cadute ci fornisce un ulteriore strumento per farlo "

Durante lo studio i fattori di rischio dei partecipanti, tra cui l'età, il sesso, l'altezza, il peso, la storia familiare, il fumo, l'alcool, l'artrite reumatoide, e se hanno avuto una frattura o una caduta precedente, sono stati valutati con la densità ossea. Al follow-up ogni individuo è stato chiesto se avessero subito una nuova frattura.

I ricercatori hanno scoperto che utilizzando fattori di rischio, simili a quelli nel modello FRAX®, ha mostrato un buon livello di previsione frattura. Come previsto, l'aggiunta di densità ossea ulteriormente migliorata precisione. Tuttavia, quando è stato anche inserito nella storia di caduta, il modello è stato ulteriormente aumentato soprattutto negli uomini, in cui la capacità predittiva è aumentato del sei per cento. Inoltre, in oltre 80 per cento degli uomini che non erano caduti e non fratturare seguito, l'aggiunta di questa variabile al modello corretto ridotto il rischio di frattura previsto.

Il professor Cyrus Cooper, direttore della MRC Epidemiology Unit Lifecourse, Università di Southampton, aggiunge: "Questa ricerca dimostra l'importanza di coorti di popolazione ben caratterizzati, come l'Hertfordshire Cohort Study per il processo decisionale clinico predizione del rischio di frattura maggiore facilitata attraverso l'uso di. i nostri risultati aiuteranno a ridurre il sempre crescente carico di fratture negli anziani. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha