Consenso unanime Surgeons ': Ago biopsia è Gold Standard per Breast Cancer Diagnosis

Maggio 8, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un rapporto speciale pubblicato nel numero di ottobre del Journal of American College of Surgeons indica che un allarmante 35% delle biopsie mammarie diagnostica iniziale negli Stati Uniti sono ancora in stato fatto utilizzando tecniche chirurgiche aperte inutili. Questo nonostante il fatto che costa fino a tre volte maggiore rispetto alla tecnica biopsia molto meno invasiva e altrettanto accurato.

Un gruppo di importanti specialisti di malattie al seno recentemente convocato in occasione della Conferenza Internazionale Consensus on immagine rilevata Breast Cancer III e ha convenuto all'unanimità che agobiopsia percutanea rappresenta "best practice" e dovrebbe essere il "gold standard" per la diagnosi iniziale di patologie del seno. Le raccomandazioni sono state raggiunte dopo la costruzione di evidenza clinica dal momento che le precedono Consensus Conference nel 2001 e nel 2005, ma pochi progressi sono stati fatti nel ridurre il numero di biopsie chirurgiche aperte in corso di esecuzione a livello nazionale.

"Nonostante un notevole consenso nella letteratura medica e raccomandazioni nazionali pubblicato da industria leader di pensiero, come l'American College of Surgeons e della società americana dei chirurghi del seno, c'era solo una piccola diminuzione del numero di biopsie chirurgiche dalla nostra ultima conferenza di quattro . anni fa 1,2 Questo lento tasso di adozione è spaventosa considerando i travolgenti benefici di biopsia rispetto chirurgia a cielo aperto per la diagnosi iniziale di cancro al seno ", ha detto il dottor Melvin Silverstein, direttore medico di Hoag Breast Care Center; professore clinico di chirurgia presso la Keck School of Medicine, University of Southern California; e presidente delle Conferenze di consenso del 2001, 2005 e 2009. "Considerando solo il 15-20% di anomalie riscontrate dalla mammografia rivelarsi cancro, questo significa un numero significativo di donne con lesioni benigne stanno subendo un intervento chirurgico di diagnostica non necessari quando l'ago biopsia è ugualmente efficace per scoprire il cancro."




L'anno scorso, circa 1,7 milioni di donne hanno subito una biopsia al seno per avere un nodulo sospetto o immagini anomalia examined.1 Durante una biopsia al seno, un piccolo campione di tessuto dalla lesione anormale viene rimosso e inviato a un patologo da analizzare al microscopio per verificare il cancro al seno. Il campione di tessuto può essere rimosso tramite una biopsia chirurgica aperta o meno invasiva biopsia.

Le donne che si sottopongono a biopsia chirurgica aperta sono generalmente messi sotto anestesia, e un medico crea un'incisione nel seno attraverso la quale parte del grumo viene rimosso. Poiché è necessaria un'incisione, biopsia chirurgica aperta comporta il rischio di infezione, complicanze e cicatrici. Aprire biopsia costa anche di due a quattro volte più in media di una biopsia. Nel corso di una biopsia, le donne sono date anestesia locale, e un ago sottile è utilizzato per ritirare i piccoli nuclei di tessuto dalla zona sospetta. In alcuni casi, le apparecchiature di imaging può essere usato per guidare l'ago al punto giusto. A differenza di biopsia chirurgica aperta, minimamente invasiva biopsia può causare qualche livido, ma di solito non lascia una cicatrice. Inoltre, i rischi associati con l'ago biopsia sono molto meno, così come i tempi di recupero del paziente.

"Ci sono pochissimi casi in cui l'ago biopsia è così tecnicamente difficile da eseguire a causa della posizione di una lesione o di altri fattori, che una biopsia chirurgica aperta sarebbe necessaria in quanto la procedura diagnostica iniziale," ha detto il dottor Silverstein.

A Hoag Breast Care Center, minimamente invasiva biopsia è lo standard di cura. Infatti, solo circa uno percento delle biopsie diagnostiche eseguite al centro richiede una procedura chirurgica aperta. Biopsie forniscono informazioni dettagliate sulla natura del tumore al seno tra cui marcatori biologici, tumore di grado istologico, e l'invasione linfovascolare. Queste informazioni possono essere identificati nel campione bioptico per facilitare terapeutico decisionale prima dell'intervento chirurgico.

"Se una lesione viene diagnosticato come cancro prima dell'intervento operatorio, il chirurgo può pianificare con maggiore precisione la posizione ottimale delle incisioni per la conservazione massima del seno", spiega il Dr. Silverstein. "Con la pianificazione pre-operatoria, la rimozione più completa e precisa del cancro e dei suoi margini è più probabile, in generale risparmiando pazienti un secondo intervento chirurgico. Inoltre, il chirurgo può fare un uso migliore delle tecniche di oncoplastica."

La relazione del panel sul Journal of American College of Surgeons ha stabilito una guida completa per la diagnosi e il trattamento di pazienti con tumore della mammella. Oltre a stabilire le migliori pratiche per il metodo di biopsia mammaria, il documento descrive le posizioni più forti a sostegno dell'uso della risonanza magnetica nella diagnosi e la pianificazione preoperatoria, trattamenti di radiologia abbreviati, e l'integrazione di tecniche di oncoplastica in pratica il cancro al seno chirurgica.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha