Consumo di alcol collegati all'HIV progressione della malattia, studio mostra

Marzo 30, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori della Boston University School of Medicine (BUSM) hanno trovato un legame tra consumo di alcol e la progressione della malattia da HIV in persone con infezione da HIV.

L'uso di alcol è comune tra le persone con infezione da HIV, e il suo impatto sulla progressione della malattia da HIV è stato esaminato in in-vitro, animali e studi sull'uomo. L'alcol può influire negativamente sulla funzione immunitaria nelle persone con infezione da HIV da vari meccanismi, tra cui una maggiore replicazione dell'HIV nei linfociti.

I ricercatori hanno valutato la conta CD4 delle cellule, i livelli di HIV RNA [carica virale], e il consumo di alcol in 595 soggetti affetti da HIV con problemi di alcol. Il rapporto di progressione della malattia da HIV al consumo di alcol è stata studiata utilizzando modelli di regressione longitudinali controllo per fattori prognostici noti, compresa l'adesione e sintomi depressivi, e stratificata per la terapia antiretrovirale (ART) utilizzare. Tra i soggetti che non erano in ART, il consumo di alcol è stato associato ad un più basso numero di cellule CD4. Tra i soggetti che erano in ART, il consumo di alcol non è stata associata con una conta di cellule CD4 inferiore o carica virale HIV superiore. "




L'uso di alcol in pazienti con una malattia diffusa come l'HIV, può avere importanti conseguenze per la salute pubblica ", ha detto l'autore Jeffrey Samet, MD, MPH, professore di medicina presso BUSM e chief of General Internal Medicine a Boston Medical Center." HIV persone infettate che bevono alcol pesantemente e non sono ART potrebbero diminuire il loro rischio di progressione della malattia, se si astengono dal consumo di alcol. "

I ricercatori hanno inoltre osservato che non vi è ampia evidenza circa l'efficacia di un breve intervento per l'uso di alcol malsano in bevitori nondependent in ambienti medici e della efficacia dei trattamenti psicosociali e farmacologici per la dipendenza da alcol. "Anche se limitata evidenza dimostra l'efficacia di intervento per problemi di alcol in particolare in persone con HIV, la sua attuazione tra le popolazioni con infezione da HIV sembra essere un obiettivo utile," secondo l'autore senior Richard Saitz, MD, MPH, professore di medicina presso BUSM, direttore del Clinical Addiction Research and Education Unit Boston Medical Center, e direttore associato della Boston University School of Public Health Youth Alcohol Prevention Center.

Lo studio appare in linea nel numero di agosto del Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha