Contrastare chimico del cervello potrebbe impedire i suicidi, la ricerca suggerisce

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Scrivendo sulla rivista Neuropsychopharmacology, della Michigan State University Lena Brundin e un team internazionale di co-ricercatori presentano la prima prova che il glutammato è più attiva nel cervello delle persone che tentano il suicidio. Il glutammato è un amminoacido che invia segnali tra le cellule nervose e da tempo un sospetto nella ricerca delle cause chimiche di depressione.

"I risultati sono importanti perché mostrano un meccanismo di malattia in pazienti", ha detto Brundin, professore associato di psichiatria sperimentale nel Collegio di MSU di medicina umana. "C'è stato un sacco di attenzione su un altro neurotrasmettitore chiamato serotonina per circa 40 anni. La conclusione del nostro lavoro è che abbiamo bisogno di trasformare alcuni che si concentrano per il glutammato."




Brundin e colleghi hanno esaminato l'attività del glutammato misurando acido quinolinico - che lancia un interruttore chimico che rende glutammato invia più segnali alle cellule vicine - nel liquido spinale di 100 pazienti in Svezia. Circa due terzi dei partecipanti sono stati ricoverati in ospedale dopo aver tentato il suicidio e il resto erano sani.

Essi hanno scoperto che avevano tentato il suicidio più di due volte tanto acido quinolinico nel loro liquido spinale come le persone sane, che ha indicato aumentate glutammato segnalazione tra le cellule nervose. Coloro che ha riportato il forte desiderio di uccidere se stessi hanno anche i più alti livelli di acido.

I risultati hanno anche mostrato una diminuzione dei livelli di acido quinolinico tra un sottogruppo di pazienti che è tornato sei mesi più tardi, quando il loro comportamento suicida era finita.

I risultati spiegano perché precedenti ricerche ha sottolineato l'infiammazione nel cervello come un fattore di rischio per il suicidio. Il corpo produce acido quinolinico come parte della risposta immunitaria che crea infiammazione.

Brundin detto farmaci anti-glutammato sono ancora in fase di sviluppo, ma potrebbe presto offrire uno strumento promettente per la prevenzione del suicidio. Infatti, recenti studi clinici hanno dimostrato la ketamina anestetico - che inibisce la segnalazione glutammato - di essere estremamente efficace nella lotta contro la depressione, anche se i suoi effetti collaterali impedire che venga ampiamente utilizzato oggi.

Nel frattempo, ha detto che i medici Brundin dovrebbero essere consapevoli di infiammazione come innesco probabile per il comportamento suicidario. Lei sta collaborando con i medici a Grand Rapids, Mich., Per la progettazione di studi clinici con farmaci anti-infiammatori.

"In futuro, è probabile che i campioni di sangue di pazienti suicidi e depressione saranno proiettati per l'infiammazione", ha detto Brundin. "E 'importante che i medici di assistenza sanitaria di base e psichiatri lavorano a stretto contatto su questo."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha