Conversione da grassi 'cattivi' a grasso buono

Marzo 15, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Scienziati provenienti da ETH di Zurigo hanno dimostrato per la prima volta che le cellule di grasso bruno e nero in un organismo vivente possono essere convertiti da un tipo di cellula all'altra. Il loro lavoro, utilizzando topi come organismo modello, offre nuove e importanti informazioni sull'origine delle cellule di grasso bruno, che è un prerequisito per lo sviluppo di efficaci terapie anti-obesità.

Due tipi di cellule di grasso possono essere trovati nei mammiferi e quindi nell'uomo: cellule adipose bianche funzionano riserve di energia principalmente come altamente flessibili che vengono riempite in tempi di calorie abbondanza. Il grasso viene memorizzato in forma di goccioline lipidiche, che sono mobilitate quando l'energia è necessaria. Diametralmente opposte in funzione sono i cosiddetti adipociti marrone: Queste cellule specializzate nel bruciare energia sotto forma di grassi e zuccheri per produrre calore. Neonati possiedono notevoli quantità di grasso bruno e lo utilizzano per mantenere la temperatura del corpo. Da quando è stato recentemente dimostrato che gli adipociti bruni esistono anche negli esseri umani adulti, la ricerca si è concentrata sulla comprensione di come si formano adipociti bruni. L'obiettivo finale di questi sforzi è quello di aumentare il numero degli adipociti marrone e l'attività negli esseri umani obesi, consentendo loro di bruciare le calorie in eccesso e quindi riducono il peso.

Contro la convinzione corrente




È noto che gli esseri umani e topi possono adattarsi a freddo formando cellule di grasso bruno nei loro depositi di grasso bianco. Queste cellule sono chiamate "Brite" cellule di grasso bruno (-in-bianco) e sono meno comuni a più caldo rispetto a temperature più fredde. Tuttavia, l'origine di questi speciali adipociti bruni è rimasta una questione di dibattito. L'ipotesi prevalente è che le cellule Brite sono formate da cellule precursori speciali e vengono rimossi quando non più necessari. L'idea alternativa di una interconversione diretta tra le cellule di grasso bianco e marrone guadagnato meno attenzione. Dimostrando che questa interconversione fa accadere ed è uno dei principali collaboratori di Brite formazione delle cellule di grasso, la convinzione attuale è stata contestata.

Geneticamente etichettati cellule adipose

Per dimostrare come brite cellule adipose si formano i ricercatori nel laboratorio di Christian Wolfrum, professore presso l'Istituto di alimentazione, nutrizione e salute, i topi generati che ha permesso loro di etichettare geneticamente le cellule di grasso specifico. Questi animali sono stati tenuti in un ambiente mutevole: a partire da 8 ° C per una settimana e per diverse settimane successivamente a temperatura ambiente. Durante l'esposizione al freddo, i topi formate adipociti bruni nei loro depositi di grasso bianco - un processo chiamato "britening." Dopo l'adattamento caldo il tessuto adiposo si voltò di nuovo bianco. Utilizzando i marcatori genetici Gli scienziati hanno concluso da questi esperimenti che le cellule di grasso bianco possono convertire in cellule di grasso bruno e viceversa. Come esseri umani hanno lo stesso tipo di cellule come topi è probabile che lo stesso processo si verifica nell'uomo dopo stimolazione fredda.

Trattamenti contro l'obesità

"Sviluppare nuove strategie di trattamento che abbiamo bisogno di trovare modi per convertire bianco in adipociti bruni", dice Wolfrum. La maggior parte della ricerca si è focalizzata sull'identificazione delle cellule precursori di cellule di grasso bruno, un approccio che può essere insufficiente. Il lavoro futuro affronterà la questione di come manipolare questo processo interconversione o con mezzi farmacologici o con mezzi nutrizionali.

Questo approccio rappresenterebbe un romanzo strategia. "Le terapie anti-obesità attuali bersaglio lato apporto energetico dell'equazione controllando l'appetito e l'assorbimento dei nutrienti", spiega Wolfrum. I trattamenti farmacologici che sono disponibili non sono molto efficienti e solitamente sono associati con effetti collaterali. Al contrario, questo nuovo approccio per il trattamento dell'obesità dovrebbero essere destinati dal lato della spesa energetica dell'equazione promuovendo la formazione di grasso bruno.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha