COX-2 inibitori associati con pressione arteriosa Elevation

Aprile 23, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

CHICAGO - Un'analisi di 19 studi randomizzati controllati che hanno coinvolto inibitori COX-2 (cicloossigenasi-2 selettivi inibitori) suggerisce che questi farmaci aumentano la pressione sanguigna più sia farmaci convenzionali non steroidei anti-infiammatori (FANS) o con placebo, secondo uno studio che sarà pubblicato in un prossimo numero di The Archives of Internal Medicine, una delle JAMA/Archivi riviste. Lo studio è pubblicato online oggi a causa della sua rilevanza per l'attualità che circondano questa classe di farmaci. Sarà pubblicato in una futura edizione di stampa della rivista.

FANS, tra i farmaci più prescritti per alleviare il dolore, è associato ad effetti collaterali gastrointestinali. Di conseguenza vi è stata una significativa preferenza per prescrivere COX-2 inibitori over FANS convenzionali, anche quando i pazienti non rispondono ai criteri stabiliti per il trattamento, in base alle informazioni in questo articolo. Alcuni inibitori COX-2 sono stati associati ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari.

Tai-Juan Aw, MBBS, FRACP, Monash University, Melbourne, Australia, e colleghi, i dati analizzati da tutti i 19 studi randomizzati di COX-2 inibitori pubblicati prima del maggio 2004 controllata, con un totale di 45.451 partecipanti, per i quali erano disponibili i dati di pressione sanguigna . La meta-analisi è stato progettato per confrontare il rischio relativo di sviluppare ipertensione e di elevazione della pressione arteriosa clinicamente importante in studio partecipanti trattati con inibitori COX-2 rispetto a quelli trattati con FANS o placebo.




COX-2 inibitori sono stati associati con un aumento della pressione sanguigna rispetto ai FANS e placebo, gli autori trovati. Questi aumenti di pressione sanguigna possono essere clinicamente significativa in relazione ad un aumento del rischio cardiovascolare. Gli autori hanno anche visto differenze tra le COX-2 inibitori. "Rofecoxib sembra conferire un maggiore rischio di sviluppare ipertensione e aumenti clinicamente importanti sia sistolica che diastolica rispetto al celecoxib," hanno dichiarato.

Mentre inibitori COX-2 sono stati considerati come una opzione terapeutica di benvenuto per l'artrite, gli autori hanno concluso, "... il loro potenziale (e differenziale) effetto sulla elevazione della pressione arteriosa richiede cautela nel loro uso e merita ulteriori indagini. I medici devono valutare i rischi di miglioramento della sicurezza gastrointestinale rispetto potenziali pericoli di sviluppare pressione sanguigna elevata quando si considera l'uso di questi agenti, soprattutto nella popolazione anziana ".

(Arch Intern Med 2005;. 165. Disponibile post-embargo a www.archinternmed.com.)

Nota dell'editore: Dr. Liew è stato consulente per Pfizer in materia cicloossigenasi 2 inibitori, e il Prof. Krum è stato consulente per Pfizer, Merck, Novartis e per quanto riguarda cicloossigenasi 2 inibitori. Mr. Haas attualmente riceve assistenza tramite una borsa di studio sanitario nazionale e la salute pubblica Postgraduate Research Medical Research Council. Dr. Liew attualmente riceve assistenza attraverso un reale Australasian College of Physicians Postdoctoral Fellowship.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha