Decifrare Chemical "Cross Talk" che determina la sopravvivenza cellulare immunitario

Luglio 26, 2015 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Biologi UCSF hanno decifrato un modello di segnali che spiega la vita o la morte di ciascuna delle cellule T del sistema immunitario e può controllare lo sviluppo dell'arsenale difesa naturale del corpo.

Quando un virus, parassita o altra patogeno invade una cella, le cellule T del sistema immunitario riconoscono il nemico, ed un potente segnale chimico viene attivato utilizzando un sito aggancio noto come recettore T-cellulare. La ricerca attuale indica un possibile nuovo ruolo per questo messaggio chimico. Gli scienziati suggeriscono che l'interazione tra questo segnale e quello prodotto da un ormone seleziona costantemente i soldati cellule T il corpo ha bisogno in quanto si affaccia un cast cambiamento di invasori. Che controlla questo processo di selezione ha biologi lungo perplessi.

Il segnale ormone steroide è normalmente presente a bassi livelli che oscillano con ritmi quotidiani, ma lo stress può causare i livelli di ormone di picco. Il nuovo studio potrebbe portare ad una comprensione molecolare di come lo stress indotto da uno squilibrio ormonale deprime la funzione del sistema immunitario, dicono gli scienziati. Questo squilibrio comporta talvolta il sistema immunitario per attivare le cellule T che attaccano il corpo e causare malattie autoimmuni.




La ricerca è stata condotta per aiutare a chiarire una questione più grande: come la cacofonia di messaggi chimici in streaming attraverso una cellula è in ultima analisi, "sentito" come un singolo comando per attivare un gene o disattivare - l'unità fondamentale di azione nella cellula.

"I segnali provenienti dall'ambiente, da ormoni e molte altre fonti si intrecciano in un tessuto", spiega di UCSF Keith Yamamoto, PhD, professore e presidente della farmacologia molecolare e cellulare. "È il tessuto che definisce lo stato della cella in un dato momento e determina se i geni sono attivati. Abbiamo voluto esaminare come i diversi segnali diventa integrata per produrre istruzioni alla macchina genetica."

Le scoperte degli scienziati sono pubblicati nel 20 giugno questione degli Atti della National Academy of Sciences. L'autore principale è Christina AM Jamieson, PhD, uno scienziato postdottorato UCSF che lavora nel laboratorio di Yamamoto.

Yamamoto è un esperto recettori glucocorticoidi, proteine ​​che legano l'ormone glucocorticoide e regolano direttamente geni coinvolti in un gran numero di funzioni vitali come il controllo della pressione sanguigna, livelli di zucchero nel sangue, e il controllo del destino T-cellule. Poiché i segnali del recettore dei glucocorticoidi (GR) sono noti per influenzare lo sviluppo delle cellule T, Yamamoto e Jamieson riconosciuto che lo studio del "crosstalk" tra messaggi provenienti da GR e siti di docking cellule T potrebbe fornire una finestra sul modo segnali interagiscono per gene diretta attività.

I risultati in colture cellulari topi devono applicare agli esseri umani dal glucocorticoidi regolano i geni più o meno allo stesso modo negli esseri umani e sono utilizzati per il trattamento di molte malattie autoimmuni umane.

Farmaci forti che sono i derivati ​​di ormoni corticosteroidi sono tra i trattamenti più efficaci per le malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide, i ricercatori sottolineano, anche se come l'ormone esercita i suoi effetti sul sistema immunitario è stato poco chiaro. Capire come funziona ormone nel sistema immunitario possono permettere più mirati terapia ormonale per minimizzare gravi effetti collaterali del suo uso, come l'osteoporosi.

La ricerca può anche fornire un nuovo strumento contro il cancro, gli scienziati riferiscono. La terapia ormonale per combattere al seno e della prostata è spesso compromessa quando le cellule tumorali crescono resistenti all'effetto dell'ormone. La nuova ricerca identifica un segnale dal recettore T-cellulare che annulla tali messaggi ormonali. Un farmaco che inibisce questo segnale, suggeriscono, potrebbe ri-sensibilizzare le cellule tumorali alla terapia ormonale.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha