Decoy molecola che combatte intossicazione alimentare potrebbe aiutare Sconfiggi altre tossine

Giugno 6, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

16 aprile 2001 - Gli scienziati del Los Alamos National Laboratory nel New Mexico rapporto che essi hanno progettato molecole decoy che, in studi di laboratorio, in grado di fermare la diffusione di Staphylococcal superantigene, una tossina responsabile di circa il 25 per cento dei casi di intossicazione alimentare in Stati Uniti. Lo stesso metodo può essere usato per combattere tossine simili, comprese quelle associate con l'antrace, HIV e la sindrome da shock tossico, secondo i ricercatori.

La ricerca è riportato nella corrente (10 aprile) rilascio di Biochimica, una rivista peer-reviewed della American Chemical Society, la più grande società scientifica del mondo.

Le molecole decoy sono più adatti per proteggere il sistema immunitario del corpo dall'attacco di approcci antibiotici attualmente in uso, secondo Goutam Gupta, Ph.D., che ha guidato il progetto di ricerca. Idealmente, i richiami potrebbero offrire una più rapida azione, un'alternativa più efficace per fermare le tossine, ha detto. Se tutto va bene con ulteriori ricerche, crede che potrebbe essere somministrato a pazienti affetti da intossicazione alimentare o sindrome da shock tossico, o somministrato prima possibile esposizione ad agenti di guerra biologica, come l'antrace.




Staphylococcus, o stafilococco tossine, è una proteina con due siti di legame sulla sua superficie che utilizza per diffondersi da cellula a cellula del corpo. Tossine stafilococco sono "superantigeni" batteri che sovrastimola sistema immunitario del corpo, trasformandolo contro se stessa.

Le molecole decoy mira i siti di legame e impediscono la tossina di attaccarsi alle cellule, Gupta ha detto. Le tossine muoiono se sono in grado di infettare le altre cellule. Le esche non dovrebbero sconvolgere le funzioni delle cellule normali del corpo, Gupta ha osservato.

Nello studio di laboratorio, le molecole decoy disarmati con successo un modello di tossina stafilococco, Gupta ha detto. Tossine implicati in diverse altre malattie e infezioni, tra cui l'antrace, l'HIV e la sindrome da shock tossico, agiscono più o meno allo stesso modo in cui la tossina stafilococco, secondo Gupta.

Si ritiene che le somiglianze tra stafilococco tossina tossina e una proteina chiamata gp120 di HIV indicano che la stessa tecnica richiamo può essere utilizzato per bloccare la diffusione di tutti. Un richiamo modificato per combattere l'HIV, per esempio, potrebbe combattere la proteina gp120 che consente l'espansione del virus ', ma non dovrebbe essere considerata una cura per la malattia, ha detto Gupta.

Il passo successivo per il gruppo di ricerca è quello di perfezionare un sistema per fornire la molecola al posto giusto, secondo i ricercatori.

"Sono molto ottimista sulle nostre possibilità", ha detto Gupta. "Sappiamo che il meccanismo d'azione di queste tossine e credo che possiamo trovare le contromisure per fermarli. Abbiamo dimostrato il principio delle nostre opere approccio, ma abbiamo ancora voglia di trovare un modo migliore per legare e bloccare le loro attività."

La ricerca è stata finanziata da sovvenzioni dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e l'Advanced Research Project Agency Defense, parte del Dipartimento della Difesa statunitense.

Goutam Gupta, Ph.D., è un ricercatore nella divisione bioscienze del Los Alamos National Laboratory di Los Alamos, Nuovo Messico

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha