Dettagli studio Pathways To Influenza esposizione, convalida Misure preventive

Aprile 5, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Con stima che la metà della popolazione degli Stati Uniti potrebbe essere infettato con il virus dell'influenza H1N1 2009 questo autunno e l'inverno, un nuovo studio esamina quattro vie di esposizione influenza e quantifica il rischio posto da ogni percorso, che, l'analisi ha rilevato, variabile in base alla cambiamenti nelle concentrazioni virali.

I risultati sono particolarmente importanti, come vaccini per il virus H1N1 2009 - a volte indicato come "influenza suina" - è improbabile che siano ampiamente disponibili prima di ottobre, lasciando la modifica del comportamento come la chiave metodo di prima linea iniziale per prevenire malattie come i bambini tornano a scuola e l'autunno/inverno mesi influenzali approccio. Lo studio appare nel numero di settembre della rivista peer-reviewed Analisi dei rischi, pubblicato dalla Society for Risk Analysis.

"Contributi relativi di Quattro Pathways esposizione al rischio di infezione da influenza" calcola i rischi connessi con ogni tipo di esposizione in un ambiente dove una persona frequenta un letto cavalcato malato individuale con l'influenza. Nell'esaminare i modi per ridurre il rischio di prevenzione delle infezioni attraverso ogni percorso, lo studio sostiene avvisi generali per coprire tosse, lavarsi spesso le mani, e disinfettare le superfici. Lo studio sostanzia anche i benefici di caregivers utilizzando guanti e un respiratore di filtro-facciale, se possibile, quando sono presenti in una stanza confinato con un individuo malato con l'influenza.




I ricercatori Dr. Mark Nicas della University of School of Public Health della California di Berkeley, e il Dr. Rachael M. Jones della University of School of Public Health di Illinois Chicago, utilizzati modelli sofisticati ed esaminate la ricerca a disposizione per mostrare i tassi di infezione in quattro modalità di esposizione trattare con il contatto diretto con la pelle e l'inalazione di particelle di tosse.

La probabilità relativa di essere infettati da diverse vie di esposizione sono stati:

  1. contatto delle mani con superfici contaminate, 31 per cento;
  2. inalazione piccole particelle che trasportano virus quando in camera, 17 per cento;
  3. inalazione di relativamente grandi particelle che trasportano virus quando tre metri o più vicino alla persona infetta, 0,52 per cento; e
  4. stretto contatto polverizzazione di gocce per la tosse che trasportano virus sulle membrane degli occhi, narici e le labbra, il 52 per cento.

    Dal momento che gli episodi di infezione sono stati documentati con ogni percorso, Nicas e Jones concludono, "gli interventi non farmaceutici per l'influenza dovrebbero contemporaneamente affrontare la potenziale esposizione attraverso il contatto delle mani al viso, inalazione, e goccia a spruzzo". Nicas fa notare che mentre gli operatori sanitari e gli operatori sanitari presenti hanno conosciuti o influenza pazienti sospetti sono un gruppo ad alto rischio, persone in aule o negozi affollati con le persone che emettono virus H1N1 in aria anche di fronte a rischi di inalazione.

    Lo studio evidenzia la necessità di coprire tosse, disinfettare le superfici di toccare, e la protezione contro le particelle sospese nell'aria tosse. L'articolo rileva che non causa diversi ceppi del virus influenzale (compresi i 2009 H1N1) possono attaccarsi alle molecole attraverso il tratto respiratorio superiore e inferiore, è importante escludere qualsiasi via, come l'inalazione del virus nell'aria, come importante contributo in determinate circostanze. Particelle virali più piccoli possono percorrere distanze maggiori e più facilmente collegare alle vie respiratorie (esposizione piccole e grandi particelle costituiscono due vie di esposizione affrontate sotto la categoria "inalazione"). E inalazione è un percorso distinto da essere spruzzato sul viso con goccioline tosse che viaggiano attraverso l'aria. I ricercatori hanno trovato quando le concentrazioni di virus sono aumentate nel loro modello, i percorsi di inalazione crescono d'importanza, mentre le goccioline della tosse percorso spruzzo diminuisce.

    Così, tutti i quattro percorsi di esposizione devono essere affrontate quando qualcuno è malato, in quanto è difficile sapere quale pone il più rischio come concentrazioni di virus cambiano. Secondo una stima di agosto da Consiglio di Presidenza di consiglieri per la Scienza e la Tecnologia, H1N1, un tipo di virus "A", come alcuni di quelli inclusi nello studio Nicas/Jones, potrebbe infettare la metà della popolazione degli Stati Uniti questo autunno e l'inverno, potenzialmente ricoverare up a 1,8 milioni di persone e causando fino a 90.000 morti - più del doppio del numero che si verificano in una stagione media influenzale.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha