Diabete Dilemma: anziani con diabete affrontare un pesante fardello da Co-esistenti condizioni di salute

Giugno 23, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Come se il diabete non sono stati sufficienti a gestire, un nuovo studio mostra che il 92 per cento di persone anziane con la malattia hanno almeno un altro grande condizione medica cronica - e che quasi la metà hanno tre o più principali malattie oltre il loro diabete.

Il numero puro, e la gravità, di queste altre condizioni sembra diminuire la capacità dei pazienti di gestire il loro diabete. Il tipo di condizione di co-esistenti anche questioni, come il diabete di cura di sé in ritardo più tra i pazienti con condizioni che pensano non sono legati alla loro diabete.

I nuovi risultati rendono più importante che mai, dicono i ricercatori, per i medici di "trattare tutta la persona" di aiutare i pazienti diabetici imparare a trattare con loro altre condizioni in modi che consentiranno anche loro di controllare il diabete.




Lo studio, pubblicato online prima della stampa nel numero di dicembre del Journal of General Internal Medicine, utilizza i dati di un campione rappresentativo a livello nazionale di 1.901 adulti con diabete che erano di età 55 anni o più nel 2002.

I ricercatori, della University of Michigan Health System e il sistema sanitario VA Ann Arbor, hanno esaminato l'influenza che una serie di condizioni mediche aveva sulla capacità dei partecipanti per gestire il loro diabete, se tali condizioni sono fisicamente collegati al diabete. Per una condizione, insufficienza cardiaca, hanno anche valutato come la gravità di un altro stato influenzato la gestione del diabete.

I dati sono stati elaborati dalla Health Study e pensione, un importante studio di anziani americani con sede presso l'Istituto per la ricerca sociale UM e finanziato dal National Institutes of Health. L'attuale ricerca è stata finanziata dal VA e NIH.

"I pazienti che fare con questi problemi giorno per giorno, e che stanno determinando lo stile di priorità e gestire la propria auto-cura", spiega il primo autore Eva Kerr, MD, MPH, della VA e UMHS. "Nel frattempo, i medici parliamo con i pazienti circa il diabete, ma non su come la loro insufficienza cardiaca o la loro ipertensione colpisce il modo in cui gestire il loro diabete. Questi risultati dimostrano che abbiamo bisogno di trattare tutta la paziente, ma non hanno ancora sistemi progettati per farlo. "

Le richieste concorrenti di malattie croniche simultanee possono portare le persone a trascurare le misure di auto-cura che avranno il maggiore impatto nel lungo periodo, spiega Kerr. Ad esempio, se una persona con diabete ha anche il dolore di artrite, o mancanza di respiro da insufficienza cardiaca, e questi non sono pienamente affrontato, la persona può astenersi da attività fisica. E questo a sua volta significa che faranno fatica a controllare la glicemia o la pressione sanguigna - che è importante per evitare problemi futuri come l'ictus.

In generale, più malattie di una persona ha avuto con il loro diabete, più è probabile che dovevano riferire stavano mettendo priorità a condizioni diverse il diabete, e il peggio hanno riferito che stavano facendo a gestire il diabete attraverso cinque chiave self-care gradini. Gravità anche importava: Per una condizione per la quale i ricercatori hanno dati gravità - insufficienza cardiaca - del diabete di cura di sé non era diminuita tra i pazienti nelle prime fasi, meno sintomatici, ma è stato tra coloro che in fasi successive.

Importante Inoltre, lo studio ha rilevato, è se i pazienti percepiscono che le loro altre condizioni sono legati alla loro diabete. Per esempio, molte persone con diabete ancora non si rendono conto che la loro malattia li mette a rischio molto più elevato di malattie cardiache e ictus. Quella mancanza di consapevolezza può significare che non mettono molta enfasi sulla loro pressione sanguigna o il colesterolo, quando in realtà controllare quei fattori di rischio possono influenzare notevolmente la salute di una persona con il diabete. E infatti, in questo studio, il diabete di auto-cura è stata peggiore tra le persone che hanno avuto sia il diabete e le malattie cardiache.

Ecco perché un approccio persona a tutto tondo per la cura è così importante, dice Kerr, che è un professore associato di medicina interna presso l'UM Medical School e direttore associato del VA Health Services Research & Development di Centro per la Gestione Clinical Research. Tanto si sa su come prevenire le complicanze del diabete a lungo termine, e come rilevarli presto quando possono ancora essere trattati, che il "ritorno sugli investimenti" per il bene del diabete cura di sé è alta.

Kerr co-dirige il miglioramento della qualità per le malattie croniche complesse, un programma di ricerca UM/VA congiunto diretto da John Piette, Ph.D., autore senior della nuova carta. Insieme ad altri ricercatori UM e VA, stanno studiando i problemi che devono affrontare i pazienti che hanno più condizioni, e dei loro assistenti. Sono inoltre ideare strumenti per aiutare a valutare e migliorare la cura per questi pazienti.

Il nuovo studio è stato eseguito per ottenere un quadro rappresentativo di quanti anziani con diabete hanno anche diverse altre condizioni, e come le altre condizioni li riguardano. Il trenta per cento dei partecipanti allo studio erano di età compresa tra 55 e 64, quando è iniziato lo studio; il resto erano di 65 anni. Diciannove per cento sono stati afro-americana; Il 53 per cento erano donne. Un quarto usato insulina.

In tutto, i ricercatori hanno scoperto che il 39 per cento ha avuto almeno una condizione che ha portato dai danni che il diabete può causare a piccoli vasi sanguigni e quindi di nervi, occhi e reni. Queste condizioni "microvascolari" sono spesso enfatizzate in piani di gestione del diabete.

Nel frattempo, l'81 per cento ha avuto almeno uno dei problemi "macrovascolari" che sono aggravate o attivati ​​in parte da diabete, tra cui l'ipertensione, malattia coronarica, una storia di ictus o mini-ictus, o insufficienza cardiaca. I ricercatori hanno visto anche tre malattie non correlate. Il dieci per cento ha avuto anche una malattia polmonare, il 14 per cento ha avuto anche il cancro, e il 55 per cento ha avuto anche l'artrite.

I nuovi risultati mostrano che i medici devono lavorare a stretto contatto con i pazienti diabetici che hanno altre condizioni croniche, di fissare le priorità per la cura di sé a casa. Questo include le attività legate al diabete, come l'assunzione di farmaci e il controllo dei livelli di glucosio nel sangue regolarmente e nei tempi previsti, l'esercizio, a seguito di una dieta del diabete-friendly ed eseguire auto-controlli dei piedi alla ricerca di ferite che potrebbero non essere la guarigione o causare dolore a causa di circolazione e nervose problemi legati al diabete.

Ma la cura di sé per le altre condizioni croniche può comprendere l'assunzione di farmaci per il colesterolo, la pressione arteriosa, malattie polmonari e dolore; evitando sale che possono aggravare l'ipertensione e l'insufficienza cardiaca; regolari pesare-ins per i pazienti con insufficienza cardiaca per monitorare ritenzione di liquidi; controlli della pressione arteriosa regolari; e più. Aiutare i pazienti a gestire altre condizioni croniche possono essere tanto importante quanto aiuta a gestire il loro diabete.

I programmi che sono progettati per aiutare i pazienti con diverse condizioni di supporto sono necessari, al di là dei programmi di gestione di malattie singolo che sono diventati popolari per i medici per i loro pazienti da, dicono gli autori. "In questo momento, la gestione della malattia fa una malattia alla volta - ma pochi pazienti anziani sono dotati di un solo", dice Piette. "Se vogliamo veramente migliorare la qualità della vita di questi pazienti abbiamo bisogno di essere il trattamento di più di uno alla volta e aiutare i pazienti a impostare le proprie priorità."

Oltre a Kerr e Piette, gli autori dello studio sono Michele Heisler, MD, MPA, Sarah L. Krein, Ph.D., RN, Mohammed Kabeto, MS, Kenneth M. Langa, MD, Ph.D., e David Weir , Ph.D.

Riferimento: JGIM, DOI 10.1007/s11606-007-0313-2.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha