Diabetico Terapia Comune riduce il rischio di cancro del pancreas

Maggio 24, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Prendendo il farmaco anti-diabetico, metformina più comunemente prescritti, riduce il rischio di un individuo di sviluppare il cancro al pancreas del 62 per cento, secondo la ricerca presso l'Università del Texas MD Anderson Cancer Center, pubblicato nel 1 agosto questione di Gastroenterologia.

"Questo è il primo studio epidemiologico della metformina nella popolazione cancro, e offre una direzione interessante per la ricerca futura chemioprevenzione per una malattia molto bisogno di entrambe le strategie di trattamento e prevenzione", ha detto Donghui Li, Ph.D., professore di MD Dipartimento di Anderson di gastrointestinali Oncologia Medica.

Un farmaco orale, metformina è il farmaco più comunemente prescritto per il diabete di tipo 2. Secondo Li, più di 35 milioni di prescrizioni per la droga sono pieni ogni anno, ed è più spesso dato a pazienti diabetici tipo 2 che sono obesi e/o hanno la resistenza all'insulina.




"La metformina agisce aumentando la sensibilità cellulare all'insulina e riducendo il livello di circolazione nei diabetici. Insulina sembra anche avere un effetto di crescita che favoriscono il cancro", ha detto Li, autore senior dello studio. "Metformina attiva la chinasi AMP, che è un sensore engery cellulare. Recenti pubblicazioni hanno descritto che AMP chinasi gioca un ruolo importante nello sviluppo del cancro controllando divisione cellulare e la crescita."

Li ha anche citato un precedente studio animale mostrando che la metformina ha impedito lo sviluppo del tumore al pancreas, e numerosi studi epidemiologici nella popolazione diabetica che ha mostrato di prendere il farmaco ha ridotto il rischio di cancro in generale.

"Alla luce di questi risultati precedenti, e sapendo che il diabete è un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro al pancreas e che il 10 per cento di tali tumori sono associati con il diabete, abbiamo voluto capire meglio l'associazione specifica tra le diverse terapie anti-diabetici e questa malattia letale ", ha spiegato Li.

Per lo studio caso-controllo, i ricercatori hanno arruolato 1.838 partecipanti - 973 pazienti con adenocarcinoma pancreatico trattati al MD Anderson tra il 2004 e il 2008 per confrontare 863 individui senza cancro, tutti i compagni di pazienti MD Anderson. Di tutti i partecipanti, 259 pazienti e 109 controlli erano diabetici. I gruppi sono stati abbinati per età, razza e sesso. Utilizzando un questionario dettagliato, interviste personali sono state condotte per raccogliere informazioni come la loro storia di fumo, storia familiare di cancro, uso di alcol e di indice di massa corporea per tutta la vita. I diabetici è stato anche chiesto loro storia farmaco anti-diabetico, sia i nomi e la durata.

I diabetici sono stati classificati dal loro uso di quattro classi comuni di terapie anti-diabetici - insulina o insulina secretagoghi, metformina, thaizolidinediones (TZD), e/o altre terapie anti-diabetici comuni e la durata di utilizzo.

I ricercatori hanno scoperto che i diabetici che hanno preso da soli o in qualsiasi combinazione con altre terapie metformina hanno avuto una riduzione del 62 per cento del rischio di sviluppare il cancro al pancreas, rispetto a chi non ha mai usato la droga. Quando l'analisi è stata ristretta a coloro che non hanno mai usato insulina o coloro che avevano il diabete di più di due anni, l'effetto protettivo della metformina è rimasta significativa. Altri fattori di rischio diabetesassociated, come la storia di fumo, sovrappeso o obesità, e il controllo glicemico, non hanno avuto un effetto significativo sulla relazione tra l'uso di metformina e rischio di cancro al pancreas.

Al contrario, i diabetici che avevano preso di insulina o di insulina secretagoghi avevano un 4.99- 2.52 e volte aumento del rischio per la malattia, rispettivamente, rispetto ai non utilizzatori.

Conclusioni relative TZD e le altre classi di farmaci e il rischio di cancro al pancreas sono stati inconcludenti a causa delle piccole dimensioni del campione; è necessario un grande coorte di comprendere l'associazione tra loro uso e cancro pancreatico.

Li ha osservato lo studio non è senza limiti, tra cui le dimensioni relativamente ridotte della popolazione diabetica dello studio; spera ricerca verrà replicato in un campione più ampio. Eppure, i risultati presentano la possibilità immediata di esplorare metformina come agente chemiopreventivo.

Il tumore al pancreas è la quarta causa di morte per cancro negli uomini e le donne in questo paese. Secondo l'American Cancer Society, più di 42.470 persone saranno diagnosticati e 35.240 probabilmente muoiono di malattia nel 2009. La sopravvivenza mediana per i pazienti con la malattia è meno di 10 mesi e il tasso di sopravvivenza a cinque anni è inferiore al cinque per cento .

"Anche se sono necessarie ulteriori conferme, i nostri risultati mostrano il potenziale di metformina come agente chemopreventive", ha detto Li. "Attualmente, una volta che il cancro al pancreas viene diagnosticato, abbiamo pochi agenti terapeutici efficaci per offrire ai nostri pazienti, quindi ovviamente, per quelli a più alto rischio, un meccanismo di prevenzione, come la metformina sarebbe una scelta di benvenuto."

Secondo l'American Diabetes Association, nel 2007, 1,6 milioni di nuovi casi di diabete di tipo 2 sono stati diagnosticati in persone di 20 anni o più anziani. Si stima che 23,5 milioni di persone di età superiore ai 20 anni hanno la malattia.

In un editoriale corrispondente, Yu-Xiao Yang, MD della University of Pennsylvania School of Medicine ha rilevato che l'American Diabetes Association, così come l'Associazione Europea per lo Studio del Diabete, hanno entrambi raccomandato l'inclusione di metformina per tutti il ​​diabete di tipo 2 pazienti senza controindicazioni e le note che le possibili proprietà chemopreventive del farmaco "può fornire un ulteriore incentivo per i pazienti e medici di seguire questa raccomandazione."

Lo studio è stato sostenuto dal National Cancer Institute, compreso RO1 di Li e specialistica Programma di MD Anderson di ricerca di eccellenza (SPORE) sovvenzione nel cancro del pancreas, nonché da fondi istituzionali.

Oltre a Li, altri autori sulla all-M. Studio D. Anderson includono: James Abbruzzese, MD, professore e presidente del Dipartimento di Oncologia Medica gastrointestinale; Sai-ching Yeung, MD, Ph.D., professore associato presso il Dipartimento di Medicina Interna Generale, ambulatoriale Trattamento e Emergency Center, Manal Hassan, MD, Ph.D., professore assistente presso il Dipartimento di Oncologia Medica Gastrointestinal-Research; e Marina Konopleva, MD, Ph.D., professore assistente presso il Dipartimento di leucemia.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha