Dieta e stile di vita specifici possono aiutare a prevenire l'infertilità di disturbi ovulatori

Aprile 21, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne che hanno seguito una combinazione di cinque o più fattori di stile di vita, tra cui la modifica aspetti specifici della loro dieta, vissuto oltre l'80 per cento in meno del rischio relativo di infertilità a causa di disturbi ovulatori rispetto alle donne che praticavano nessuno dei fattori, secondo un nuovo studio . Lo studio è stato condotto da ricercatori della Harvard School of Public Health (HSPH) e non ha esaminato rischio associato con altri tipi di infertilità, come il basso numero di spermatozoi negli uomini.

"Il messaggio chiave di questo lavoro è che, per rendere le scelte alimentari giuste, compresa la giusta quantità di attività fisica nella vostra vita quotidiana possono fare una grande differenza nella vostra probabilità di diventare fertile se si verificano problemi con l'ovulazione," ha detto Walter Willett, autore senior e presidente del Dipartimento di Nutrizione HSPH.

Infertilità colpisce una coppia su sei, secondo gli studi negli Stati Uniti e in Europa. Problemi ovulatori sono stati identificati in 18 a 30 per cento di questi casi.




I ricercatori hanno seguito un gruppo di 17.544 donne sposate che erano i partecipanti al Nurses 'Health Study II in base al Brigham and Women Hospital. Il team ha ideato un sistema di punteggio sui fattori dietetici e di stile di vita che gli studi precedenti hanno trovato prevedere disturbo ovulatorio infertilità.

Tra questi fattori sono stati:

  • Il rapporto di mono-insaturo ai grassi trans nella dieta
  • Il consumo di proteine ​​(derivati ​​da animali o vegetali)
  • Carboidrati consumo (tra cui l'assunzione di fibre e indice glicemico dieta)
  • Consumo Dairy (prodotti lattiero-caseari a basso e ad alto contenuto di grassi)
  • Consumo di ferro
  • Uso multivitaminico
  • Indice di massa corporea (BMI, peso in chilogrammi diviso per il quadrato dell'altezza in metri)
  • Attività fisica

I ricercatori hanno assegnato un punteggio "della fertilità dieta" da uno a cinque punti. Più alto è il punteggio, minore è il rischio di infertilità associata a disturbi ovulatori.

Le donne con i punteggi più alti di fertilità dieta mangiato meno grassi trans e zucchero dai carboidrati, consumato più proteine ​​vegetali che di animali, mangiato più fibre e ferro, ha preso più multivitaminici, aveva un BMI più basso, esercitato per lunghi periodi di tempo ogni giorno, e, sorprendentemente, consumato prodotti più ricchi di grassi lattiero-caseari e meno latticini a basso contenuto di grassi. La relazione tra un più alto punteggio "fertilità dieta" e minor rischio per l'infertilità è risultato simile per i diversi sottogruppi di donne, indipendentemente dall'età e anche se non era stato di gravidanza in passato.

Detto Chavarro, "Abbiamo analizzato cosa succede se si seguono uno, due, tre, quattro, o più fattori diversi. Quello che abbiamo trovato era che, come le donne ha iniziato a seguire più di queste raccomandazioni, il loro rischio di infertilità è sceso sensibilmente per ognuno dei strategie alimentari e stile di vita intraprese. In effetti, abbiamo riscontrato una differenza di sei volte nel rischio di infertilità ovulatoria tra donne dopo cinque o più basso rischio abitudini alimentari e stile di vita e quelli che seguono nessuno. "

L'autore principale dello studio è Jorge Chavarro, Research Fellow presso il Dipartimento di Nutrizione HSPH. Entrambi gli scienziati si sono guadagnati MD e hanno appuntamenti presso la Harvard Medical School. Chavarro e Willett hanno anche co-autore di un libro con Patrick Skerrett chiamato La dieta fertilità: Groundbreaking ricerca rivela modi naturali per aumentare l'ovulazione e migliorare le vostre probabilità di rimanere incinta. Il libro pubblica nel dicembre 2007.

Journal riferimento: "La dieta e stile di vita nella prevenzione del Disturbo ovulatoria infertilità." Jorge E. Chavarro, Janet W. Rich-Edwards, Bernard A. Rosner, e Walter C. Willett. Ostetricia e Ginecologia. Vol. 110, No. 5, novembre 2007.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha