Diete sane per bambini legati al più alto QI

Marzo 12, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Lo studio - condotto da University of Adelaide ricercatore sanità pubblica Dr Lisa Smithers - guardò il legame tra le abitudini alimentari dei bambini a sei mesi, 15 mesi e due anni, e il loro quoziente d'intelligenza a otto anni di età.

Lo studio di più di 7.000 bambini a confronto una serie di modelli alimentari, compresi gli alimenti tradizionali e contemporanei preparati in casa, alimenti per l'infanzia pronti preparati, l'allattamento al seno, e gli alimenti 'discrezionale' o spazzatura.




"La dieta fornisce le sostanze nutritive necessarie per lo sviluppo dei tessuti cerebrali nei primi due anni di vita, e lo scopo di questo studio è stato quello di guardare a ciò che la dieta impatto avrebbe sul QI dei bambini," dice il Dott Smithers.

"Abbiamo scoperto che i bambini che sono stati allattati al seno a sei mesi e aveva una dieta sana compreso regolarmente alimenti come legumi, formaggi, frutta e verdura a 15 e 24 mesi, avevano un QI fino a due punti in più da otto anni.

"Quei bambini che avevano una dieta che coinvolge regolarmente biscotti, cioccolato, dolci, bibite e patatine nei primi due anni di vita avevano un QI fino a due punti più bassi da otto anni.

"Abbiamo trovato anche un impatto negativo sul QI di alimenti per l'infanzia pronti preparati dato a sei mesi, ma alcune associazioni positive quando somministrato a 24 mesi", spiega Smithers.

Dr Smithers dice questo studio rafforza la necessità di fornire ai bambini cibi sani in un cruciale, momento formativo nella loro vita.

"Mentre le differenze di QI non sono enormi, questo studio fornisce alcune delle prove più forte fino ad oggi che i modelli alimentari provenienti da sei a 24 mesi hanno un piccolo ma significativo effetto sul QI all'età di otto anni," dice il Dott Smithers.

"E 'importante che si considera l'impatto a lungo termine degli alimenti nutriamo i nostri figli", dice.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati on-line nel Journal of Epidemiology.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha