Dispositivi medici impiantabili possono esporre i pazienti a Security, Privacy Rischi

Giugno 6, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Non c'è mai stato un caso segnalato di un paziente con un defibrillatore cardiaco impiantabile o pacemaker presi di mira dagli hacker, e i ricercatori sottolineato che lo studio è stato progettato per identificare e prevenire problemi futuri. Impegno studio richiesto un elevato livello di competenza tecnica, e l'articolo pubblicato omette alcuni dettagli nella metodologia che impedisce i risultati siano utilizzati per scopi diversi da migliorare la sicurezza del paziente e la privacy.

Lo studio è stato condotto da due scienziati informatici, Tadayoshi Kohno dell 'Università di Washington e Kevin E. Fu della University of Massachusetts Amherst, e cardiologo Dr. William H. Maisel del Beth Israel Deaconess Medical Center e Harvard Medical School.




Dr. Maisel, direttore del Medical Device Safety Institute al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, note, "Uno degli scopi di questa ricerca è quello di incoraggiare il settore dei dispositivi medici a pensare più attentamente la sicurezza e la privacy delle informazioni sui pazienti, in particolare per quanto la comunicazione wireless diventa più comune. Per fortuna, ci sono alcune misure di salvaguardia già in atto, ma i produttori di dispositivi possono fare di meglio. "

Il team si aspetta che questo problema ad assumere maggiore importanza come defibrillatori cardiaci impiantabili operano in modalità wireless a distanze maggiori. Questi dispositivi in ​​genere ricevono i segnali wireless a corto raggio per diversi metri, ma le nuove tecnologie sono in espansione che raggiungono ancora più lontano, creando il potenziale per informazioni vengano intercettate in viaggio.

"Ci auguriamo che la nostra ricerca è un campanello d'allarme per l'industria", ha detto Kohno, assistente professore di informatica e ingegneria presso l'Università di Washington. "Nel 1970, la donna bionica è stato un sogno, ma la tecnologia moderna è che lo rende una realtà. La gente avrà sofisticati computer con funzionalità wireless nei loro corpi. Il nostro obiettivo è di assicurarsi che tali dispositivi siano sicuri, privati, sicuro ed efficace. "

Fu, un assistente professore di scienze informatiche presso UMass Amherst, ha osservato che lo studio ha sviluppato diversi prototipi di difese. "Uno dei nostri contributi principali è l'invenzione di meccanismi di difesa a tre che non richiedono alimentazione a batteria, che li rende potenzialmente facile da integrare nei dispositivi senza un'ampia riprogettazione. Mentre non vi è stata molta ricerca che esplora la sicurezza biologica dei dispositivi medici impiantabili, c'è limitata comprensione circa i relativi problemi di sicurezza wireless e privacy. Comprendere la sicurezza e la privacy di dispositivi impiantabili è essenziale per la protezione delle infrastrutture sanitarie e di cyber della nazione. "

Esperimenti dei ricercatori hanno utilizzato un defibrillatore cardiaco impiantabile, un dispositivo sofisticato che regola automaticamente il cuore battere con l'invio di piccoli segnali elettrici al cuore per stimolare la frequenza cardiaca o consegnando un grande shock per ripristinare un ritmo cardiaco potenzialmente fatale tornato alla normalità. Defibrillatori impiantabili hanno migliorato la sopravvivenza in pazienti selezionati a rischio di morte cardiaca improvvisa, e milioni di dispositivi sono stati impiantati in tutto il mondo. Il modello utilizzato per l'esperimento dei ricercatori conteneva computer e radio che permettono operatori sanitari di diagnosticare i pazienti, leggono e scrivono informazioni mediche private, e regolare le impostazioni della terapia del dispositivo in modalità wireless.

In prove al banco di laboratorio di computer, il team di ricerca ha utilizzato un software radio economico per intercettare e catturare i segnali inviati dal dispositivo impiantabile. Sono stati in grado di ottenere informazioni dettagliate su un paziente ipotetico, compreso il nome, la diagnosi, la data di nascita e il numero ID medica. I ricercatori potrebbero determinare la marca e il modello del dispositivo e accedere ai risultati elettrocardiogramma in tempo reale, nonché i dati sulla frequenza cardiaca ipotetico paziente e l'attività cardiaca.

Il team ha poi montato diversi attacchi. I ricercatori sono stati in grado di disattivare le impostazioni della terapia memorizzati nel dispositivo impiantabile, rendendolo incapace di rispondere a eventi cardiaci pericolosi. Ulteriori comandi sono stati consegnati, con la conseguente erogazione di uno shock che potrebbe indurre la fibrillazione ventricolare, un'aritmia potenzialmente letale.

Tre meccanismi di deterrenza e di prevenzione sono stati sviluppati come parte dello studio, tra cui un dispositivo di notifica che avvisa acusticamente pazienti di eventi sensibili alla sicurezza, un dispositivo che autentica le richieste per l'accesso da dispositivi esterni e di un dispositivo vibrante che i pazienti possono percepire. Tutti e tre i meccanismi non richiedono alimentazione dalla batteria, e uno di loro è stata valutata per l'efficacia in una sostanza simile a tessuto umano.

Poiché il team ha studiato un modello comune di defibrillatore cardiaco impiantabile, la suscettibilità di dispositivi simili a rischi per la privacy e la sicurezza è incerto. I ricercatori ritengono che i futuri studi sono necessari per valutare i rischi potenziali associati con altri dispositivi impiantabili dotati di tecnologia wireless. I ricercatori ritengono fermamente che nulla nella loro relazione dovrebbe scoraggiare i pazienti di ricevere questi dispositivi se consigliato dal proprio medico. Il defibrillatore cardiaco impiantabile è una collaudata, tecnologia salvavita.

Il documento di ricerca dal titolo "Pacemaker e defibrillatori impiantabili cardiache: Attacchi Software Radio e difese Zero-Power", sarà presentato e pubblicato alla Institute of Electrical and Electronic Engineers Simposio sulla sicurezza e la privacy a Oakland, in California, 19 maggio 2008.. Oltre ai tre principali ricercatori, autori di studenti che contribuiscono alla carta sono Daniel Halperin, Thomas S. Heydt-Benjamin, Benjamin Ransford, Shane S. Clark, Benessa Difendere e Will Morgan.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha