DNA vaccini che Casa In On PVS sono più potenti

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una strategia perseguita a sviluppare nuovi vaccini contro le malattie infettive è la vaccinazione DNA. L'idea è che, dopo la somministrazione di un vaccino DNA, il corpo converte le informazioni nel vaccino DNA in una proteina che attiva una risposta immunitaria.

Tuttavia, vaccini a DNA attuale inducono risposte immunitarie relativamente debole, anche se somministrato più volte. Nuovi dati, generati nei topi, da Ralph Steinman e colleghi, dell'Università Rockefeller, New York, ha ora identificato un modo per rendere i vaccini DNA più potente.

Nello studio, i topi sono stati somministrati un vaccino DNA che includeva le informazioni per effettuare una singola proteina composto della proteina gp41 di HIV fuso ad una catena singola Fv anticorpo specifico per DEC205. DEC205 è espressa dalle cellule immunitarie conosciute come cellule dendritiche, che mostrano le proteine ​​da organismi infettivi a cellule immunitarie conosciute come cellule T che poi attaccano l'organismo infettivo.




Gli autori hanno trovato che la catena singola Fv anticorpo specifico per la proteina DEC205 mirato fatta dalle informazioni nel vaccino DNA DC, in modo tale che è stato espresso esclusivamente in DC. Inoltre, questo vaccino DNA indotto una risposta delle cellule T molto più forte rispetto ai vaccini di DNA comprendenti informazioni per rendere la proteina gp41 di HIV fusa ad un anticorpo a catena singola Fv irrilevante, e topi protetto più efficacemente da un virus ingegnerizzato per esprimere la proteina gp41 di HIV.

Questi dati portato al suggerimento che i vaccini di DNA potrebbe essere più potente se le informazioni contengono genera una proteina che si rivolge alla DC, ad esempio per fusione a catena singola Fv anticorpo specifico per una molecola di superficie DC.

Journal riferimento: L'efficacia della vaccinazione DNA è aumentata nei topi di mira la proteina codificata da cellule dendritiche. Journal of Clinical Investigation. Marzo 2008.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha