Domande Studio dell'impatto delle variazioni di emoglobina sulla mortalità in dialisi pazienti

Giugno 15, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per i pazienti con anemia di dialisi-correlato, il rischio di morte è aumentato quando i livelli di emoglobina rimane persistentemente basso su un periodo di diversi mesi - non necessariamente quando fluttuano nel tempo, secondo un nuovo studio.

"I nostri risultati mostrano che l'effetto della variabilità dell'emoglobina sulla mortalità, al di là del livello assoluto di emoglobina, non può conferire più rischio supplementare, dopo l'adeguamento per altre malattie e ricoveri", commenta David T. Gilbertson, Ph.D., del Minneapolis Medical Research Foundation, Minneapolis, Minn.

Dr Gilbertson e colleghi hanno utilizzato i dati su quasi 160.000 pazienti in dialisi per analizzare gli effetti delle variazioni del livello di emoglobina sul rischio di morte. Modelli di variabilità dell'emoglobina durante i primi sei mesi del 2004 sono stati analizzati e confrontati con i tassi di mortalità oltre i successivi sei mesi.




L'emoglobina è il composto di trasportare ossigeno nel sangue. Anemia, o bassi livelli di emoglobina, è una delle complicanze più frequenti di insufficienza renale ed è associata ad un aumentato rischio di morte nei pazienti sottoposti a dialisi. Trattamento compresi eritropoietina e ferro per via endovenosa è stato un importante passo avanti nella gestione di insufficienza renale legati anemia, ma bassa conta di sangue e la variazione dei livelli di emoglobina continua ad essere un problema per molti pazienti in dialisi.

Nello studio, i pazienti che hanno sviluppato livelli di emoglobina bassi durante il periodo di monitoraggio sono ad aumentato rischio di morte. Questo è vero sia per i pazienti con riduzioni temporanee dell'emoglobina e di quelli il cui livello di emoglobina era persistentemente bassa. Tale rischio era notevolmente più grande di ogni rischio legato alle variazioni dei livelli di emoglobina.

In ulteriori analisi, il fattore di rischio chiave sembrava essere la quantità di tempo trascorso con un livello di emoglobina bassa - non le variazioni di emoglobina stessi. I pazienti che ha trascorso tre mesi o più, con bassi livelli di emoglobina avevano i tassi di mortalità più alti.

"Un certo numero di gruppi di ricerca hanno dimostrato che la variabilità dei livelli di emoglobina è molto comune nei pazienti sottoposti a dialisi per la malattia renale all'ultimo stadio," dice il Dott Gilbertson. "Bassi livelli di emoglobina, che sono un'indicazione di anemia, hanno dimostrato di essere associati con scarsi risultati. E 'relativamente noto se le fluttuazioni dei livelli di emoglobina aggiungono ulteriori rischi." Se è così, allora il trattamento più intensivo potrebbe essere necessario per mantenere i livelli di emoglobina entro un intervallo relativamente ristretto.

"I nostri risultati suggeriscono che le fluttuazioni dei livelli di emoglobina, probabilmente non aggiungono molto al rischio di mortalità per i pazienti con anemia di dialisi-correlate," Dr Gilbertson, conclude. "I bassi livelli di emoglobina mostrano significativamente maggiori associazioni con aumento del rischio di morte rispetto fluttuazioni dei livelli di emoglobina." Ulteriori ricerche saranno necessarie per valutare le cause di variazioni nei livelli di emoglobina, tra cui quello che percentuale della variabilità è sotto il controllo di medici e centri di dialisi.

Questo studio è stato supportato da un contratto di ricerca da Amgen, Inc., Thousand Oaks, in California. Il contratto prevede gli investigatori della Minneapolis Medical Research Foundation di avere la determinazione finale del contenuto di questa pubblicazione. I seguenti autori dello studio hanno ricevuto commissioni di consulenza da Amgen: David T. Gilbertson, Robert N. Foley, e Allan J. Collins. L'autore dello studio Brian D. Bradbury lavora presso il Dipartimento di Epidemiologia presso Amgen, Inc.

Lo studio intitolato, "livello di emoglobina Variabilità: Associazioni con mortalità" è disponibile online al Clinical Journal of American Society of Nephrology sito e in stampa nel numero di gennaio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha