Donne immigrate in Canada possono essere a più alto rischio di avere un bambino con un difetto di nascita

Aprile 3, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne immigrate sono meno propensi a utilizzare integratori di acido folico prima della gravidanza per prevenire la spina bifida, in particolare quelli che recentemente emigrato nel paese, secondo un nuovo studio condotto da un medico dell'ospedale di San Michele in collaborazione con Statistics Canada, Health Canada e l'Università di Toronto. Lo studio è il primo a fornire stime nazionali di pre-gravidanza l'uso di acido folico in Canada.

"I risultati del Bilancio del nostro studio che, mentre circa sei a 10 madri canadesi nati prendono supplementi di acido folico nel periodo di tre mesi prima del concepimento, le madri provenienti da paesi non occidentali - Cina, Nord Africa, Medio Oriente, Caraibi, dell'America Latina o del Sud Pacifico - sono meno propensi a utilizzare gli integratori ", ha detto di Hospital di St. Michael Dr. Joel Ray. "Questa informazione è importante per i responsabili politici e operatori sanitari, come ci proponiamo di educare meglio i neo-mamme e prevenire i difetti del tubo neurale nei loro bambini."

Difetti del tubo neurale sono malformazioni congenite del midollo spinale e del cervello, altrimenti noto come la spina bifida e anencefalia. La ricerca ha dimostrato il rischio di difetti del tubo neurale può essere ridotto di quasi il 50 per cento con supplementi di acido folico prese subito prima e subito dopo il concepimento, o attraverso il consumo di alimenti arricchiti con acido folico. Tuttavia, secondo le stime, da sei a 12 ogni 10.000 feti in Canada ancora sviluppare difetti del tubo neurale.




Lo studio, l'analisi di 6349 nuove mamme dai 18 ai 45 anni, ha esaminato la relazione tra l'uso di integratori di acido folico nei tre mesi prima del concepimento e il paese materno della madre di nascita e di anni di residenza in Canada.

Sixty uno per cento delle donne canadesi nati nello studio ha riportato l'uso di integratori di acido folico nel periodo di tre mesi prima del concepimento. Tuttavia, tali tassi erano molto più bassi tra le donne nate nei Caraibi o in America Latina (41%), Sub-sahariana (44%), Nord Africa o in Medio Oriente (31%), o in Asia del Sud (46%). Cosa c'è di più, solo il 39% delle donne di origine straniera che vivono in Canada meno di quattro anni hanno riportato l'uso di integratori, rispetto al 64% delle donne di origine straniera che vivono in Canada almeno 17 anni.

"La disparità in acido pre-concettuale uso di integratori folico può essere dovuto a gravidanze non pianificate/indesiderate o la mancanza di consapevolezza dei benefici di supplementi di acido folico," Ray ha detto. "Le donne immigrate, in particolare quelli provenienti da paesi non occidentali, sono meno probabilità di avere queste informazioni, che possono comunque essere facilmente fornito a queste donne attraverso vari mezzi di comunicazione."

Gli autori dello studio suggeriscono donne immigrate essere dotati di un opuscolo specifico della lingua sui benefici di acido folico, o anche con supplementi gratuiti.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha