Dormire in durante il fine settimana non risolve tutti i deficit causati dalla perdita di sonno settimana lavorativa

Marzo 25, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per rispondere a questa domanda, i ricercatori guidati da Alexandros N. Vgontzas della Penn State University College of Medicine, collocati 30 volontari su un programma di sonno che imitava una settimana lavorativa di sonno-limitata seguita da un week-end con il sonno di recupero in più. In vari punti lungo questo programma, i ricercatori hanno valutato la salute e le prestazioni dei volontari utilizzando una varietà di prove diverse.

I ricercatori hanno scoperto che la sonnolenza dei volontari è aumentato significativamente dopo restrizione del sonno, ma è tornato ai valori basali dopo il sonno di recupero. I livelli di una molecola nel sangue che è un marcatore per la quantità di infiammazione presente nel corpo è aumentato considerevolmente nel restrizione del sonno, ma è tornato normale dopo il recupero. I livelli di un ormone che è un marker di stress non è cambiata durante restrizione del sonno, ma erano significativamente più bassi dopo il recupero. Tuttavia, le misure dei volontari in una prova di efficienza che ha esaminato la loro capacità di prestare attenzione deteriorate significativamente dopo restrizione del sonno e non hanno migliorato dopo il recupero. Quest'ultimo risultato suggerisce che il sonno di recupero su un solo fine settimana non può invertire tutti gli effetti di sonno perse durante la settimana lavorativa.




Lo studio è intitolato "Gli effetti di recupero sonno Dopo Uno Workweek di lieve restrizione del sonno sulla interleuchina-6 e cortisolo secrezione e sonnolenza diurna e prestazioni." Appare in American Journal of Physiology-Endocrinologia e Metabolismo, pubblicato dalla American Physiological Society.

Metodologia

I ricercatori hanno reclutato 30 adulti sani che erano dormienti normali e metterli su un programma di 13 giorni che ha coinvolto notti di spesa in un laboratorio del sonno. Per le prime quattro notti, i soggetti sono stati autorizzati a dormire per 8 ore, stabilendo una linea di base per un sano, normale quantità di sonno. Per i prossimi sei notti, i ricercatori hanno svegliato i soggetti fino 2 ore prima. Per i seguenti tre notti, i soggetti sono stati autorizzati a dormire per 10 ore. I ricercatori hanno monitorato le onde cerebrali dei volontari durante queste sessioni di sonno. A tre punti durante il programma di 13 giorni, i volontari hanno trascorso intere giornate presso il laboratorio partecipando a vari test: dopo i 4 giorni di sonno basale, dopo 5 giorni di sonno limitato, e dopo 2 giorni di sonno di recupero. In questi giorni, i soggetti avevano cateteri inseriti nelle loro braccia, ei ricercatori campionati del sangue ogni ora, il test per i livelli di interleuchina-6 (un marker di infiammazione) e cortisolo (un ormone secreto durante lo stress). Hanno partecipato anche una prova di quanto velocemente si addormentarono quando il permesso di pisolino più volte in quei giorni (una misura oggettiva della sonnolenza) e compilato questionari per valutare come assonnato si sono sentiti (una misura personale di sonnolenza). Per valutare le loro prestazioni, hanno partecipato in una prova in cui è stato chiesto di premere un pulsante ogni volta che un punto è apparso su uno schermo, che ha misurato quanto bene sono stati in grado di prestare attenzione.

Risultati

Non a caso, i ricercatori hanno scoperto che, dopo 5 giorni di sonno limitato, i soggetti erano significativamente trasognati su entrambi i test oggettivi e soggettivi rispetto ai livelli di base. I loro interleuchina-6 livelli nettamente aumentate durante il sonno limitato, anche se i loro livelli di cortisolo sono rimasti gli stessi. La loro performance al test attenzione deteriorata. Dopo 2 giorni di sonno di recupero, le prove oggettive e soggettive hanno mostrato che i volontari erano meno sonno. La loro interleuchina-6 livelli ridotti, ed i loro livelli di cortisolo significativamente diminuito rispetto al basale, forse suggerendo che i volontari sono stati privati ​​del sonno prima dello studio iniziato. In particolare, la loro performance al test attenzione non è migliorata dopo il sonno di recupero.

Importanza dei risultati

Anche se molti indicatori di salute e di benessere migliorati dopo il sonno di recupero, questi risultati suggeriscono che il sonno in più non può risolvere tutti i deficit causati da sonno perso durante la settimana lavorativa.

"Due notti di sonno di recupero prolungato non possono essere sufficienti a superare i deficit Allerta comportamentali derivanti dalla restrizione del sonno lieve," scrivono gli autori. "Questo potrebbe avere importanti implicazioni per le persone con professioni critici per la sicurezza, come ad esempio gli operatori sanitari, nonché i dipendenti del sistema di trasporto (autisti, piloti, ecc)."

Gli autori suggeriscono inoltre che, anche se questi risultati forniscono qualche informazione sugli effetti sulla salute di una sola settimana di perdita di sonno e di recupero, rivivendo il ciclo più e più volte può avere più significativi effetti sulla salute che questo studio non mostrare.

"Gli effetti a lungo termine di un ciclo settimanale ripetuto sonno restrizione/recupero di sonno nell'uomo rimane sconosciuto", che scrivono.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha