Dosaggio della droga per i malati di cuore più anziani dovrebbero differire

Giugno 5, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Malati di cuore vecchi presentano sfide uniche per la determinazione dei dosaggi ottimali di farmaci, in modo da un nuovo studio condotto da ricercatori della Duke Medicine offre una certa chiarezza rare circa l'uso di farmaci che vengono utilizzati per il trattamento di pazienti affetti da attacchi di cuore.

Per alcuni pazienti cuore più vecchi di 75 anni, una mezza dose di prasugrel farmaco anti-piastrinica funziona circa così come la tipica dose di clopidogrel, secondo un team guidato dal Duke Clinical Research Institute, che ha esaminato un sub-studio un ampio studio clinico.

"Dato che le persone vivono più a lungo di tutto il mondo, è sempre più importante stabilire trattamenti appropriati per le condizioni, come le sindromi coronariche acute che comunemente si verificano nel corso della vita", ha detto Matthew T. Roe, MD, MHS, professore associato di medicina presso la Duke e autore principale di uno studio pubblicato 20 Agosto 2013, sulla rivista Circulation.




"Questi pazienti sono molto vulnerabili agli effetti, compreso il sanguinamento lato, se le terapie non sono adeguatamente dosati," ha dichiarato Roe. "Inoltre, le linee guida di pratica esistenti hanno alcune raccomandazioni specifiche per i pazienti anziani con sindrome coronarica acuta come poche prove è stato accumulato da studi clinici precedenti in questa popolazione."

Le persone di età superiore a 75 anni sono meno del 10 per cento della popolazione degli Stati Uniti, ma il 35 per cento dei pazienti con sindrome coronarica acuta (ACS), che comprende un recente attacco cardiaco o dolore toracico instabile. ACS è tipicamente trattata con terapie anti-piastrinici.

Studi precedenti, per esempio, avevano dimostrato che il prasugrel inibitore piastrinico ha ridotto il rischio di eventi avversi rispetto a clopidogrel in pazienti con SCA sottoposti a impianto di stent coronarico. Tali studi hanno utilizzato una dose iniziale di 60 mg seguita da una dose di mantenimento di 10 mg/die.

A questo livello di dosaggio, tuttavia, i pazienti di età superiore ai 75 anni hanno avuto un aumento del rischio di emorragie intracraniche e fatale, così come i pazienti più giovani di peso £ 132 o meno. I risultati hanno portato a segnalazioni da parte della Food and Drug Administration e l'Agenzia europea per i medicinali per l'utilizzo della dose di mantenimento di 10 mg/die di prasugrel a quelle popolazioni, e la considerazione di una dose ridotta (5 mg/die) per mitigare complicanze emorragiche .

Per verificare se i pazienti più anziani possono beneficiare di un dosaggio inferiore di prasugrel, i ricercatori della Duke-guidati analizzato più di 2.000 pazienti più anziani che hanno partecipato a un ampio studio chiamato TRILOGY ACS che rispetto prasugrel con clopidogrel per gestire sindromi coronariche acute senza impianto di stent coronarico o coronarico intervento di bypass.

I risultati di questo studio, i primi dati a lungo termine sugli esiti specificamente da pazienti anziani trattati con la dose ridotta di prasugrel, stabilito che un dosaggio minore di 5 mg/die di prasugrel ha presentato alcun rischio maggiore di problemi di sanguinamento rispetto al comunemente prescritti 75-mg dose di clopidogrel nella popolazione anziana.

"I risultati del nostro studio indicano quanto sia difficile individuare la giusta dose di farmaci anti-coagulazione per gli anziani, per migliorare i risultati dopo un attacco di cuore", ha detto il co-autore Magnus Ohman, professore di medicina presso la Duke e presidente della studio TRILOGY ACS. "Mentre una dose più bassa sembrava intuitiva, era sicuro, ma non è più efficace. Studi dedicati futuri devono continuare a trovare le terapie giuste per i pazienti anziani vulnerabili."

Oltre a Roe e Ohman, autori dello studio includono Shaun Goodman; Susanna Stevens; Judith Hochman; Shmuel Gottlieb; Bikur Cholim; Felipe Martinez; Anthony Dalby; William Boden; Harvey Bianco; Dorairaj Prabhakaran; Kenneth Winters; Philip Aylward; Jean-Pierre Bassand; Darren McGuire; Diego Ardissino; Keith A.A. Fox; e Paul Armstrong.

Le aziende farmaceutiche Eli Lilly e Daiichi Sankyo, che mercato e rendono prasugrel, finanziato lo studio TRILOGY ACS.

Roe riceve sovvenzioni e/o consulenze da Lilly e Daiichi Sankyo. Ohman riceve sovvenzioni e le spese di viaggio dalla Lilly e Daiichi Sankyo. Informazioni più dettagliate sono disponibili nello studio pubblicato.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha