Droga Bone acido zoledronico può aiutare a prevenire la diffusione del cancro del polmone precoce

Giugno 16, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un farmaco che viene attualmente utilizzato per aiutare metastasi ossee trattare nei pazienti con cancro del polmone potrebbe anche essere utile in una fase precedente del trattamento, per evitare la diffusione del cancro, in primo luogo, i ricercatori italiani hanno scoperto.

Dr Michela Quirino e colleghi dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma hanno riportato importanti nuove prove che l'acido zoledronico possa essere in grado di prevenire le metastasi del cancro al polmone dal reclutamento dei nuovi vasi sanguigni di cui hanno bisogno per sopravvivere. Questo processo di reclutamento di nuovi vasi sanguigni è chiamato angiogenesi.

"La nostra indagine rappresenta la prima evidenza clinica chiara dell'effetto anti-angiogenico di acido zoledronico in pazienti affetti da cancro del polmone metastatico," ha detto il dottor Quirino. "Esso rappresenta anche la prima base biologica nel tumore del polmone per l'indagine clinica di acido zoledronico non solo per il cancro polmonare metastatico, ma anche nella malattia precoce."




Dr Quirino ha presentato i risultati di uno studio di 41 pazienti con tumore polmonare avanzato.

Ogni paziente è stato somministrato 4 mg di acido zoledronico, ei loro livelli ematici di diversi marcatori molecolari di angiogenesi sono stati misurati prima e 48 ore dopo l'iniezione. Questi marcatori inclusi molecole VEGF, PDGF, b-FGF e HGF.

"Abbiamo trovato una riduzione statisticamente significativa dei livelli di VEGF al giorno 2 dopo 4 mg ZA infusione endovenosa rispetto ai valori basali," ha detto il dottor Quirino. I livelli ematici di bFGF sono stati significativamente ridotti. "Alcuni studi hanno riportato che il VEGF secrezione è indotta da bFGF e questo potrebbe sostenere i nostri risultati", ha aggiunto.

I ricercatori non hanno registrato alcun effetto significativo di iniettare il farmaco sui livelli degli altri due mediatori dell'angiogenesi, PDGF e HGF.

Il trattamento con acido zoledronico è già un importante trattamento per gestire metastasi ossee da tumore del polmone, il dottor Quirino osservato. Alcuni studi clinici hanno già dimostrato che l'acido zoledronico in metastasi ossee da cancro ai polmoni migliora i risultati clinici e la sopravvivenza del paziente.

"Se ulteriori studi dovrebbero confermare un possibile effetto anti-metastatico di questo farmaco, magari contando anche sul suo effetto anti-angiogenico, potrebbe essere introdotto nei primi anni di gestione della malattia, anche come terapia adiuvante."

Commentando lo studio, che non è stato coinvolto in, Prof. Ken O'Byrne, da Ospedale St James a Dublino, in Irlanda, ha dichiarato: "Queste osservazioni sottolineano l'importanza di puntare VEGF nel tumore del polmone non a piccole cellule e il potenziale ruolo bFGF possono avere nella crescita tumorale e le metastasi. I risultati gettare le basi per valutare il potenziale ruolo dell'acido zoledronico nel trattamento del cancro del polmone indipendentemente dagli effetti sulla metastasi ossee ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha