Drug Development nanoparticelle ricerca sull'AIDS

Aprile 29, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Farmaci con la capacità di sciogliere hanno molto forte efficacia, ma molti farmaci sono insolubili. Per compensare, farmaci spesso devono essere somministrati in dosi più elevate. Questo aumenta la possibilità di batteri e altri organismi mutanti le dosi elevate rendono più facile per loro di costruire la resistenza ai farmaci. Questo porta a trattamenti obsolescenza e la necessità di nuovi farmaci da sviluppare.

I chimici dell'Università di Liverpool che lavorano con IOTA NanoSolutions ora hanno sviluppato una nuova tecnologia per la produzione di nanoparticelle di farmaci insolubili che imitano il comportamento e l'efficacia dei farmaci disciolti.




Le nanoparticelle sono particelle artificiali realizzati per l'uso in un certo numero di settori, tra cui l'industria farmaceutica e cosmetica; possono fare i materiali più forti, più leggero e più pulito.

Dati recenti hanno dimostrato che in alcuni casi, basse concentrazioni di farmaci insolubili in forma di nanoparticelle possono essere più attivo quanto ritenuto in precedenza, offrendo la possibilità di somministrare farmaci a basso dosaggio senza ridurre l'efficacia del trattamento. La nuova tecnologia sta permettendo agli scienziati di sviluppare nuovi farmaci convertendo farmaci attualmente disponibili in una forma di nanoparticelle. Farmaci per il trattamento della malaria Antiparastitic sono in fase di sviluppo in collaborazione con la Scuola di Medicina Tropicale di Liverpool.

Il professor Steve Rannard, del Dipartimento di Chimica, che è anche co-fondatore e attuale Chief Scientific Officer di Iota NanoSolutions, ha detto: "Già la nostra tecnologia ha dimostrato il potenziale per migliorare una serie di farmaci attuali e potrebbe portare a trattamenti che impediscono la resistenza ai farmaci . Se il nostro approccio in grado di fornire nuovi trattamenti antimalarici, può aiutare a prevenire milioni di morti l'anno e migliorare la vita di centinaia di milioni di malati di malaria in corso. "

Questa ricerca è stata pubblicata su Nature Nanotechnology.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha