Drug-eluting stent, di attacco e di sanguinamento rischi cardiaci: i risultati di un anno di ADAPT-DES processo

Maggio 11, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti che ricevono stent a rilascio di farmaco (DES) e dimostrano alta reattività piastrinica a clopidogrel sono più probabilità di avere coaguli di sangue si formano sulla stent e di subire un attacco di cuore; tuttavia, questi pazienti hanno meno probabilità di sviluppare complicanze emorragiche.

Risultati di un anno dello studio ADAPT-DES saranno pubblicati on-line 26 LUGLIO 2013, in The Lancet. I risultati sono stati presentati lo scorso anno al Transcatheter Cardiovascular Therapeutics (TCT) simposio scientifico annuale.

ADAPT-DES è il più grande studio mai di esplorare le implicazioni di trattamento complessiva di reattività piastrinica sugli esiti dei pazienti dopo il successo coronarico a eluizione di farmaco impianto di stent. I ricercatori hanno studiato la relazione tra reattività piastrinica durante la duplice terapia con aspirina e clopidogrel e risultati clinici, come stent trombosi, emorragie maggiori, e di altri eventi avversi.




Lo studio ha arruolato 8.583 pazienti a 11 siti negli Stati Uniti e in Germania, che ha subito un intervento coronarico percutaneo (PCI) con almeno un stent a rilascio di farmaco tra 7 gennaio 2008, e il 16 settembre 2010. I ricercatori hanno valutato la reattività piastrinica con il VerifyNow Aspirin , test P2Y12, e IIb/IIIa. I pazienti sono stati seguiti per un anno per determinare la relazione tra reattività piastrinica ed eventi successivi. Ad un anno, la trombosi dello stent si era verificato in 70 pazienti (0,8 per cento), attacco di cuore in 269 (3,1 per cento), sanguinamento maggiore in 531 (6,2 per cento), e morte in 161 (1,9 per cento).

Unità reattività piastrinica (PRU), un indice di inibizione piastrinica al clopidogrel, sono stati misurati con il test VerifyNow P2Y12. Elevata reattività piastrinica, definito come PRU superiore a 208, era presente nel 42,7 percento dei pazienti. Ad un anno, i ricercatori hanno scoperto che l'alta reattività piastrinica era significativamente associata con trombosi dello stent (1,3 per cento contro 0,5 per cento) e di infarto (3,9 per cento contro 2,7 per cento), ma è stata trovata anche per essere protettivo contro sanguinamento maggiore (5,6 per cento vs . 6,7 per cento). Alta reattività piastrinica è stato anche associato con la mortalità di un anno (2,4 per cento contro 1,5 per cento). Tuttavia, perché alta reattività piastrinica è anche associato con altri fattori di rischio paziente e caratteristiche basali, è stato anche eseguito modellizzazione multivariabile; ha mostrato alcuna associazione indipendente tra l'alta reattività piastrinica e mortalità.

"I risultati del registro ADAPT-DES sicuramente dimostrano che ad alta reattività piastrinica dopo impianto di stent a rilascio di farmaco è un predittore indipendente di un anno stent trombosi e infarto, ma è anche protettivo contro sanguinamento maggiore, entrambi i quali mortalità impatto, "ha detto il ricercatore Gregg W. Stone, MD. Dr Stone è professore di medicina alla Columbia University College of Physicians e Chirurghi e Direttore di Ricerca Cardiovascolare e Education presso il Centro di Terapia interventistica vascolare a NewYork-Presbyterian Hospital/Columbia University Medical Center. Dr. Stone è anche co-direttore del Research and Education Medical Division presso la Fondazione di Ricerca Cardiovascolare (CRF).

"A causa degli effetti contrapposti di ischemia e sanguinamento, reattività piastrinica non era un predittore indipendente di mortalità a un anno. Pertanto, superando alta reattività piastrinica con agenti antipiastrinici più potenti è improbabile che migliorare la sopravvivenza a meno che l'effetto benefico di ridurre trombosi dello stent e il cuore attacco può essere separato dal probabile aumento delle emorragie che deriva da una maggiore inibizione piastrinica ", ha detto il dottor Stone.

Dottor Stone ha aggiunto: "reattività piastrinica con aspirina era estraneo a trombosi dello stent, attacco cardiaco o morte, ma può essere correlato a sanguinamento Questo solleva questioni come l'utilità di aspirina in pazienti trattati con stent a rilascio di farmaco.".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha