Due geni repressori identificati come essenziali per lo sviluppo della placenta

Maggio 26, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La famiglia di geni E2F è pensato di svolgere un ruolo cruciale nella regolazione della proliferazione cellulare. Non è chiaro come questi geni svolgono la loro funzione e interagiscono tra loro in animali intatti. Questo studio dimostra che due geni repressori E2F sono essenziali per una placenta funzionale e per bilanciare l'effetto di un gene attivatore E2F.

Due particolari geni repressori in una famiglia di geni regolatori sono di vitale importanza per il controllo della proliferazione delle cellule durante lo sviluppo della placenta, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Ohio State University Comprehensive Cancer Center - Arthur G. James Cancer Hospital e Richard J. Solove Istituto di Ricerca (OSUCCC - James).

I due geni sono chiamati E2f7 e E2f8. La loro assenza in cellule staminali risultati in una placenta costituito da celle sovraffollate e mal organizzati che non possono trasportare correttamente ossigeno e sostanze nutritive o di sostenere il normale sviluppo embrionale.




Quando le cellule staminali placentari Mancavano anche un terzo gene, il gene attivando chiamato E2f3a, i difetti placentari sono stati corretti e embrioni portati al parto.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Developmental Cell, dimostra a livello molecolare come questi E2Fs controllano la proliferazione cellulare in animali intatti, dicono i ricercatori.

"I risultati forniscono informazioni sul ruolo di questi due geni repressori", dice principali investigatori Gustavo Leone, professore associato di Medicina e direttore associato di ricerca di base alle OSUCCC - James.

I due geni appartengono a una famiglia di geni regolatori che, negli esseri umani, ha otto membri. Sono tutti credevano di attivare o sopprimere altri geni per controllare la divisione e la proliferazione cellulare in entrambe le cellule normali e tumorali. Ma quali geni regolano e come interagiscono tra loro in animali vivi è poco conosciuta.

"Geni regolatori E2F sono stati pensati per essere importante per un lungo periodo, ma con tanti di loro, è stato difficile dire che uno sta facendo cosa", dice Leone.

"Qui, dimostriamo che i repressori E2f7 e E2f8 sono essenziali per lo sviluppo di un intatto, funzionale, della placenta, e che essi bilanciare gli effetti del gene attivazione E2f3a", dice Leone. "Poiché questi due repressori sono importanti per la proliferazione, possono anche svolgere un ruolo importante nel sopprimere lo sviluppo del tumore."

Per questo studio, Leone ei suoi colleghi hanno utilizzato modelli animali che mancavano uno o più dei tre geni E2F nelle cellule staminali del trofoblasto, che danno origine alla placenta.

Studi precedenti guidato da Leone ha dimostrato che in alcuni casi, un gene E2F può essere un attivatore in alcuni tessuti e repressore in altri.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha