Efficacia del Tamoxifen può essere compromesso dal caldo Flash Drug

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli effetti di tamoxifene, una terapia utilizzata nel trattamento e nella prevenzione del cancro al seno, possono essere limitate mediante l'uso di un farmaco comunemente prescritto per prevenire gli effetti collaterali del trattamento, secondo uno studio pubblicato Dec. numero 3 della Journal del National Cancer Institute.

"Il nostro studio suggerisce che il metabolismo del tamoxifene, e forse la sua efficacia, può essere modificato il corredo genetico della persona che prende la droga e con l'uso di un altro farmaco prescritto per ridurre tamoxifene legati vampate di calore", dice l'autore senior dello studio David Flockhart , MD, Ph.D., direttore della Divisione di Farmacologia Clinica presso la Facoltà di Medicina Indiana University. "Le nostre conclusioni indicano che più vasta ricerca è appropriato."

Tamoxifene, un farmaco che modifica l'effetto degli estrogeni sulle cellule, è ampiamente ed efficacemente utilizzato in molte donne come parte della terapia standard per le persone con cancro al seno e quelli ad alto rischio di sviluppare la malattia. Per circa l'80 per cento delle donne che assumono tamoxifene, vampate di calore sono un effetto collaterale della terapia e il 45 per cento di quelle donne li vota così grave.




I farmaci comunemente prescritti per risolvere il problema sono nuovi antidepressivi, paroxetina e fluoxetina, che sono inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI). SSRI hanno dimostrato di inibire l'enzima che scompone il tamoxifene in agenti chimici chiamati metaboliti, di cui 4-idrossi-tamoxifen, che è stato creduto di essere tamoxifene metabolita più attivo.

Dodici donne con una storia di cancro al seno, ma nessuna prova corrente della malattia, sono stati arruolati in uno studio clinico yearlong. Le donne dovevano aver preso tamoxifene per quattro settimane prima di iscriversi nel processo, e sono rimasti in terapia fino alla conclusione del processo. Ogni donna ha anche preso paroxetina per quattro settimane.

Extensive analisi di laboratorio del plasma sanguigno delle donne ha mostrato una diminuzione significativa un metabolita di tamoxifene dopo trattamento con paroxetina.

I ricercatori hanno scoperto un metabolita precedentemente sconosciuto che chiamarono endoxifen. È stato trovato per essere presenti in concentrazioni notevolmente superiori a 4-idrossi-tamoxifene nelle donne che assumono tamoxifene. Era chiaro che la concentrazione di endoxifen nel plasma è stato alterato quando è stato utilizzato paroxetina.

Le concentrazioni Endoxifen sono stati ridotti dal 24 per cento al 64 per cento, con una diminuzione media del 56 per cento. La differenza nella percentuale di concentrazioni endoxifen corrisponde alle variazioni nella composizione genetica delle donne. I ricercatori ipotizzano che questa variazione può anche essere il motivo tamoxifene è più efficace in alcuni pazienti rispetto ad altri.

###

La ricerca è stata sostenuta da una sovvenzione da parte del National Institute of scienze mediche generali, parte del National Institutes of Health. Primo autore dell'articolo era Vered Stearns, MD, assistente professore di oncologia, Breast Cancer Research Program, Sidney Kimmel Comprehensive Cancer Center, Johns Hopkins School of Medicine.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha