Emersione di resistenza artemisinina sul confine tra Thailandia e Myanmar solleva spettro della malaria incurabile

Aprile 28, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Lo studio coincide con la ricerca recentemente pubblicata su Science in cui i ricercatori nel sud est asiatico e gli Stati Uniti identificare una grande regione del genoma parassita della malaria associata alla resistenza di artemisinina. Questa regione, che comprende diversi potenziali geni candidati per la resistenza, può fornire ai ricercatori uno strumento per la resistenza di mappatura.

Entrambi gli studi, finanziati dal Wellcome Trust e il National Institutes of Health, seguono i rapporti nel 2009, della comparsa di parassiti della malaria artemisinina-resistente in Cambogia occidentale, 800 km di distanza dal confine tra Thailandia e Myanmar, dove sono stati osservati i nuovi casi di resistenza. Resistenza artemisinina rende i farmaci meno efficaci e potrebbe alla fine li rendono obsolete, mettendo milioni di vite a rischio.




Secondo il Rapporto Mondiale contro la Malaria 2011, la malaria ha ucciso circa 655.000 persone nel 2010, soprattutto i bambini e le donne incinte. E 'causata da parassiti che vengono iniettati nel flusso sanguigno da zanzare infette. Plasmodium falciparum è responsabile di nove su dieci morti per malaria.

Il farmaco antimalarico più efficace è artemisinina; i derivati ​​di artemisinina, più comunemente artesunato, hanno il vantaggio rispetto ad altri farmaci antimalarici, quali clorochina e meflochina, di agire più rapidamente e con meno effetti collaterali e, fino a poco tempo, i parassiti della malaria hanno mostrato alcuna resistenza contro di loro. Anche se i farmaci possono essere usati da soli come monoterapia, e questi possono ancora essere ottenuti, timori per il possibile sviluppo di resistenza ha portato a raccomandazioni che dovrebbero essere usati solo in combinazione con una o più altre droghe come terapie combinate a base di artemisinina (ACT). Questi sono ora raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità come trattamento di prima linea per il semplice malaria falciparum in tutti i paesi endemici. ACT hanno contribuito in modo sostanziale al recente calo dei casi di malaria nella maggior parte delle regioni endemiche tropicali.

Nello studio Lancet, i ricercatori presso l'Unità di Ricerca Shoklo Malaria al confine tra Thailandia e Myanmar, nell'ambito del programma di ricerca di Medicina Tropicale Wellcome Trust-Mahidol University-Oxford University, hanno misurato il tempo impiegato per eliminare i parassiti dal flusso sanguigno in 3.202 pazienti con malaria falciparum utilizzando farmaci artesunato contenente orali nel corso di un periodo di dieci anni tra il 2001 e il 2010.

In questo periodo, il tempo medio necessario per ridurre il numero di parassiti nel sangue di mezzo - noto come 'parassita distanza half-life' - è aumentata da 2,6 ore nel 2001 a 3,7 ore nel 2010, segno evidente che i farmaci sono stati sempre meno efficaci. La percentuale di infezioni lenta compensazione - definita come una emivita di oltre 6,2 hours - aumentato rispetto stesso periodo da sei a 200 su 1000 infezioni.

Esaminando il make-up genetico dei parassiti, i ricercatori sono stati in grado di fornire prove convincenti che il calo dei tassi di clearance parassita è dovuto a cambiamenti genetici dei parassiti che avevano reso resistenti ai farmaci.

Questo dato è confermato dalle prove riportato su Science, in cui gli stessi ricercatori, insieme a un team internazionale guidato da scienziati del Texas Biomedical Research Institute, San Antonio, hanno identificato una regione del cromosoma 13 del genoma del parassita P. falciparum che mostra una forte associazione con i livelli di clearance dei parassiti lenti. Mentre il meccanismo reale in questione non è chiara, la regione contiene diversi geni candidati che possono conferire resistenza artemisinina al parassita.

Professor François Nosten, Direttore dell'Unità di Ricerca Shoklo Malaria, ha dichiarato: "Abbiamo visto l'emergere di resistente ai nostri migliori farmaci malaria, e questi parassiti resistenti non sono confinate in Cambogia occidentale Questo è molto preoccupante in effetti e suggerisce che siamo. . in una corsa contro il tempo per il controllo della malaria in queste regioni prima resistenza ai farmaci peggiora e si sviluppa e si diffonde ulteriormente l'effetto che questo accada potrebbe essere devastante malaria uccide già centinaia di migliaia di persone l'anno -. Se i nostri farmaci diventano inefficaci, questa figura salirà drammaticamente. "

Il professor Nick White, presidente del Sud-Est del Wellcome Trust Asia principali programmi all'estero e presidente del WorldWide Antimalarial Resistenza Network (WWARN), ha aggiunto: "Inizialmente abbiamo sperato che potremmo evitare questo grave problema diffusione cercando di eliminare tutte P. falciparum da occidentale Cambogia. Anche se questo potrebbe essere ancora utile, questo nuovo studio suggerisce che contenere la diffusione della resistenza sarà ancora più impegnativo e difficile di quello che avevamo prima temuto. "

Dr Tim Anderson dal Texas Biomedical Research Institute, che ha condotto gli studi di genetica in entrambi i documenti, ha commentato: "Mapping la diffusione geografica della resistenza può essere particolarmente impegnativo utilizzando strumenti clinici e parassitologia esistenti Se siamo in grado di identificare i determinanti genetici di resistenza artemisinina,. dovremmo essere in grado di confermare i potenziali casi di resistenza più rapidamente. Questo potrebbe essere di fondamentale importanza per limitare un'ulteriore diffusione della resistenza.

"Sappiamo che la regione del genoma porti individuato una serie di potenziali geni per esplorare ulteriormente per vedere quali guidare la resistenza di artemisinina. Se siamo in grado di individuare il gene oi geni precisi, possiamo cominciare a capire come avviene la resistenza."

Il programma di ricerca Università-Oxford Tropical Medicine Wellcome Trust-Mahidol è uno dei principali programmi d'oltremare del Wellcome Trust, lavorando alla realizzazione delle priorità strategiche del Trust, che comprendono la lotta contro le malattie infettive.

Dr Jimmy Whitworth, Responsabile Attività Internazionali presso il Wellcome Trust, ha dichiarato: "Questi due studi sottolineano l'importanza di essere vigili contro la comparsa di resistenza al farmaco ricercatori dovrà monitorare questi focolai e seguire da vicino per assicurarsi che non stanno diffondendo. . Prevenire la diffusione della resistenza artemisinina ad altre regioni è indispensabile, ma come si può vedere qui, sarà sempre più difficile. Sarà necessaria tutta la forza delle comunità scientifiche e cliniche, in collaborazione con i responsabili politici di salute. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha