Engineered cellule T uccidono i tumori, ma il tessuto normale ricambio in un modello animale

Maggio 21, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La necessità di distinguere tra cellule normali e cellule tumorali è una caratteristica che è stata a lungo cercato per la maggior parte di farmaci contro il cancro. Antigeni tumorali, uniche proteine ​​sulla superficie di un tumore, sono potenziali bersagli per una normale risposta immunitaria contro il cancro. Identificare quali antigeni cellule tumorali di un paziente Express è la pietra angolare di progettare la terapia del cancro per quell'individuo. Ma alcuni di questi antigeni tumorali sono espressi anche sulle cellule normali, impulsi terapia personalizzata di nuovo al problema originale.

Cellule T fatte per esprimere una proteina chiamata CAR, per antigene recettore chimerico, sono progettati innestando una porzione di un anticorpo tumore-specifica su una cellula immunitaria, permettendo loro di riconoscere antigeni sulla superficie cellulare. Prime vetture di prima generazione avevano un dominio di segnalazione per l'attivazione delle cellule T. Seconda generazione auto sono più comunemente usati e ad avere due domini di segnalazione all'interno della cellula immunitaria, uno per l'attivazione delle cellule T e un altro per costimulation cellule T per aumentare la funzione della cellula T.

È importante sottolineare che, CAR consentono alle cellule T dei pazienti a riconoscere gli antigeni tumorali e uccidono alcune cellule tumorali. Un gran numero di cellule T CAR lotta contro il cancro tumore-specifici può essere generata in un laboratorio specializzato utilizzando le cellule T dei pazienti, che vengono poi infuse di nuovo in loro per la terapia. Nonostante i risultati clinici promettenti, è ormai riconosciuto che alcune terapie a base di CAR-possono comportare la tossicità nei confronti dei tessuti normali che esprimono basse quantità di antigene tumorale associata mirati.




Per risolvere questo problema, Daniel J. Powell Jr., PhD, professore assistente di ricerca di Patologia e Medicina di Laboratorio, Perelman School of Medicine, University of Pennsylvania, e direttore del Tissue Fondo Terapia Cellulare, ha sviluppato un innovativo approccio duale CAR in cui il segnale di attivazione per le cellule T è fisicamente dissociato da un secondo segnale di costimolazione per le cellule immunitarie. Le due vetture portano diverse specificità antigenica - mesotelina e-folato recettore. Mesothelin è associato principalmente con mesotelioma e cancro ovarico, e-folato recettore con cancro ovarico.

Powell paragona questo approccio dual CAR ad avere due pedali del gas diversi, uno per avviare il sistema immunitario ed un secondo per moto accelerando. Cellule doppio CAR T sono più selettivi per le cellule tumorali in quanto la loro piena attività richiede interazione con entrambi gli antigeni, che sono solo co-espressi sulle cellule tumorali, non tessuto normale.

Le cellule T doppio dell'automobile hanno mostrato la produzione di citochine debole contro cellule bersaglio che esprimono solo un antigene tumorale associata a test di laboratorio, le cellule T CAR simile alla prima generazione che portano solo il dominio di attivazione CD3, ma hanno dimostrato una maggiore produzione di citochine su incontrare cellule tumorali naturale o attrezzata esprimono entrambi gli antigeni, equivalenti alle cellule CAR T di seconda generazione con doppia, ma non separato segnalazione.

In un modello murino di cancro ovarico umano, le cellule T con le vetture a doppia segnalazione persistevano ad alti numeri nel sangue, accumulati nei tumori, e ha mostrato attività anti-cancro potente contro i tumori umani. Cellule T doppia CAR erano equivalenti alle cellule CAR T di seconda generazione in attività contro i tumori che portano due antigeni. Tuttavia, la vettura cellule a doppia segnalazione T non hanno reagito energicamente con tessuto normale esprimere un antigene, mentre le cellule T di seconda generazione CAR fatto.

"Questo nuovo approccio CAR dual-specificità può migliorare l'efficacia terapeutica delle cellule T auto contro il cancro, riducendo al minimo la reattività contro i tessuti normali", dice Powell.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha