Epilessia comune trattamento-resistente in autismo idiopatico; Associata con insorgenza precoce sequestro e deterioramento cognitivo

Aprile 28, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio ha trovato che il trattamento-resistente epilessia (TRE) è comune in autismo idiopatico. Età al momento della comparsa di convulsioni e sviluppo globale ritardo sono stati associati ad una maggiore frequenza di resistenza ai farmaci antiepilettici (FAE). I risultati completi appaiono in linea in Epilepsia, un giornale pubblicato da Wiley-Blackwell, a nome della Lega Internazionale contro l'Epilessia (ILAE).

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), disturbi dello spettro autistico (ASD) sono un gruppo di disabilità dello sviluppo che possono influenzare significativamente l'interazione sociale, la comunicazione e il comportamento. Il CDC stima che, in media, 1 in 110 bambini degli Stati Uniti ha un ASD (che è quattro volte più probabilità di sviluppare nei ragazzi che nelle ragazze). Evidenza medica suggerisce che la prevalenza di epilessia e autismo varia dal 7% al 46%.

I ricercatori sul presente gruppo di studio, condotto da Orrin Devinsky, MD, Professore di Neurologia, Neurochirurgia, e Psichiatria presso la NYU School of Medicine e Direttore del Centro Epilessia NYU Comprehensive a New York, hanno esaminato i dati clinici e di laboratorio per i pazienti con autismo idiopatico valutati al Centro durante un periodo di 20 anni. Sequestri sono stati classificati in base a criteri ILAE, con resistenza al trattamento definito come il fallimento di prove sufficienti di due regimi AED tollerati. "Epilessia resistente al trattamento è comune tra i pazienti con autismo, e più di un terzo dei pazienti nel nostro gruppo di studio aveva TRE", ha detto il dottor Devinsky. "Tra i pazienti per i quali abbiamo avuto dati AED completa e il controllo delle crisi, il 55% ha avuto TRE."




Tra i 127 pazienti con autismo e almeno un attacco epilettico, il 34% ha avuto TRE e il 28% è stato libero da crisi. Il restante 39% dei pazienti con autismo e l'epilessia ha avuto convulsioni poco frequenti o di dati insufficienti per loro classificare correttamente. Nei pazienti con TRE, i ricercatori hanno scoperto che il sequestro insorgenza era in età più giovane rispetto ai pazienti che erano liberi da crisi. TRE pazienti avevano anche la regressione più dello sviluppo, così come motori e linguistici ritardi, rispetto ai partecipanti senza sequestro.

Tre pazienti avevano la resezione chirurgica e una anteriore callosotomia sottoposti; questi trattamenti chirurgici forniti poco o nessun miglioramento dello stato di sequestro. In nove pazienti con nervo vago stimolatore (VNS) l'impianto, miglioramento limitato di crisi epilettiche è stata osservata in due pazienti e nessun miglioramento in sette pazienti. "Nei pazienti con autismo, abbiamo scoperto che i risultati chirurgici e VNS erano meno favorevoli, fornendo un tasso più basso di libertà dalle crisi, che in altre popolazioni TRE", ha concluso il dottor Devinsky. "Sono necessari ulteriori studi per esplorare l'associazione tra epilessia cronica e l'autismo."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha