Epilessia e coordinamento disturbi: ruolo importante per il cervelletto

Maggio 19, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Malattie ereditarie come l'epilessia o disturbi vari coordinamento possono essere causati da cambiamenti nelle cellule nervose del cervelletto, che non impostano in fino a dopo la nascita. Questo è riportato da neuroscienziati di Bochum nel Journal of Neuroscience. Il team del Prof. Dr. Stefan Herlitze, il presidente del Dipartimento di Zoologia e di Neurobiologia a RUB, ha dimostrato che le malattie sono scoppiati nei topi, se, una settimana dopo la nascita, hanno eliminato una particolare proteina nel cervelletto che regola l'afflusso di ioni nelle cellule nervose. "E 'la prima volta che abbiamo acquisito una visione all'origine di queste malattie", ha detto il Prof. Herlitze. "Ora possiamo iniziare a condurre ricerche per sviluppare nuovi approcci terapeutici."

Canali del calcio difettosi come causa di malattia

Varie forme di epilessia, disturbi del coordinamento (atassie) ed emicranie sono causate da mutazioni nel cosiddetto canale di calcio P/Q-type che controlla l'afflusso di ioni calcio nelle cellule nervose del cervello. Dr. Melanie Mark dal gruppo del prof Herlitze sviluppato un modello animale in cui questo canale di calcio può essere disattivata in qualsiasi momento in una regione del cervello di scelta. I ricercatori hanno focalizzato su cellule specifiche nel cervelletto (cellule di Purkinje) che coordinano i movimenti del corpo. "Il canale di calcio è in realtà presente in tutto il cervello", spiega il dottor Mark. "E 'la prima volta che siamo stati in grado di dimostrare che le malattie possono essere attivati ​​da elaborazione del segnale proveniente disfunzionale nel cervelletto."




Attraverso la cooperazione di una nuova terapia

Con l'aiuto del nuovo modello di topo, il cosiddetto Purky del mouse, squadra del Prof. Herlitze sta ora indagando le basi molecolari delle malattie causate dai cambiamenti del canale del calcio P/Q-tipo, al fine di sviluppare nuovi approcci terapeutici. In collaborazione con il Prof. Dr. Timmann-Braun della clinica universitaria di Essen e il Prof. Dr. Klockgether della clinica universitaria di Bonn, i neuroscienziati di Bochum vogliono confrontare i loro studi nel modello di topo con i risultati di studi di pazienti. "Abbiamo soprattutto speriamo di aiutare i bambini che soffrono di epilessia assenza, cioè l'epilessia associata a un disturbo della coscienza", afferma il Prof. Herlitze.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha