Epstein Barr: Come il virus 'malattia del bacio' dirotta le cellule umane

Maggio 7, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

University of Montreal ricercatori hanno scoperto come un componente del virus di Epstein Barr (EBV) riprende la regolazione macchine cellule gene, permettendo al virus di replicarsi. Il virus EBV causa una varietà di malattie come il linfoma di Hodgkin e il linfoma di Burkitt, la malattia più diffusa di essere mononucleosi infettiva comunemente conosciuta come "malattia del bacio" per la sua modalità di trasmissione da uomo a uomo. Si scopre che le malattie iniziano con il bacio di una specie molecolare; una proteina virale contattando le molecole che controllano i nostri geni.

I virus, come EBV utilizzano strategie sofisticate per sovvertire le cellule umane durante un'infezione. I virus non possono sopravvivere al di fuori di cellule umane e per questo motivo hanno sviluppato strategie per mimare componenti chiave della funzione delle cellule umane come la polimerasi RNA. "Svelare i dettagli atomici livello di queste interazioni con la biologia strutturale ci permette di comprendere come i trucchi virus i sistemi di difesa dell'uomo. Avere questa conoscenza è il primo passo verso lo sviluppo di nuovi trattamenti terapeutici per le infezioni virali", ha spiegato il dottor James Omichinski, autore senior di questo lavoro condotto in collaborazione con il suo collega Dr. Jacques Archambault presso l'Institut de recherches cliniques de Montrйal (IRCM).

Utilizzando avanguardia tecniche di risonanza magnetica nucleare presso l'Università di Montreal impianto per la biologia strutturale presso il Dipartimento di Biochimica e Medicina Molecolare, gli scienziati hanno studiato come la proteina EBNA2 del virus EBV si lega ad una delle proteine ​​del complesso TFIIH che aiuta a regolare un'altra proteina chiamata RNA polimerasi II, una molecola che è responsabile del controllo della maggior parte dei nostri geni. "Siamo stati in grado di svelare i dettagli molecolari dell'interazione tra queste proteine", spiega il dottor Omichinski.




Per svelare i dettagli molecolari di questa interazione, l'autore principale Philippe Chabot etichettato la proteina EBNA2 e TFIIH con isotopi stabili e ha determinato la struttura molecolare della loro interazione con la spettroscopia NMR. "Questo tipo di strumentazione costa diversi milioni di dollari, ma grazie agli investimenti generosi compiuti dalla Fondazione canadese per l'innovazione (CFI) siamo in grado di effettuare tali studi con le più moderne attrezzature", ha spiegato il dottor Omichinski. Un beneficio diretto di questo lavoro è che l'interazione "bacio" tra le proteine ​​EBNA2 e TFIIH potrebbe essere un bersaglio per lo sviluppo di farmaci per meglio trattare malattia del bacio e tumori causati da virus EBV in futuro.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha