Erbicidi ampiamente utilizzato, atrazina, provoca infiammazione della prostata nei ratti maschi e ritardi pubertà

Giugno 13, 2015 Admin Salute 0 27
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio mostra che i topi maschi esposti prenatale a basse dosi di atrazina, un erbicida ampiamente utilizzato, hanno maggiori probabilità di sviluppare infiammazione della prostata e di passare attraverso la pubertà più tardi rispetto agli animali non esposti. La ricerca aggiunge a un crescente corpo di letteratura su atrazina, un erbicida utilizzato prevalentemente per controllare le erbacce e graminacee in colture come mais e canna da zucchero. Atrazina e suoi sottoprodotti sono noti per essere relativamente persistenti nell'ambiente, trovando potenzialmente loro strada in idriche.

La ricerca, che è disponibile online e sarà sulla copertina del Reproductive Toxicology (Volume 30, Issue 4), ha trovato che l'incidenza di infiammazione della prostata è passata dal 48 per cento nel gruppo di controllo di 81 per cento nei figli maschi che sono stati esposti ad una miscela di atrazina e dei suoi prodotti di degradazione prenatale. La gravità dell'infiammazione aumentato con la forza delle dosi. La pubertà è stata anche ritardata negli animali che hanno ricevuto atrazina.

Le dosi di miscela atrazina date ai ratti durante gli ultimi cinque giorni di gravidanza sono vicini ai livelli regolamentati in fonti di acqua potabile. L'attuale livello di contaminazione massimo consentito atrazina nell'acqua potabile è di 3 parti per miliardo. Le dosi somministrate agli animali erano 0,09 (o 2,5 parti per milione), 0,87, 8,73 o milligrammi per chilogrammo di peso corporeo.




La ricerca è stata guidata da Suzanne Fenton, Ph.D., e Jason Stanko, Ph.D., del National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS), parte del National Institutes of Health. Fenton ha iniziato il lavoro come ricercatore presso l'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente (EPA), ma ha completato la ricerca a NIEHS, lavorando a stretto contatto con i patologi NIEHS. Sia NIEHS e EPA fornito sostegno finanziario per lo studio.

"Non ci aspettavamo di vedere questi tipi di effetti a livelli così bassi", ha detto Fenton. E aggiunge che questa è la seconda carta per dimostrare effetti a basse dosi di miscele atrazina metaboliti. Fenton era l'autore maggiore su un documento del 2007 che ha dimostrato basse dosi di mix atrazina ritardato sviluppo mammario nei fratelli femminili dalle stesse cucciolate utilizzati in questo studio.

"E 'stato interessante notare che l'infiammazione della prostata è diminuito nel corso del tempo, suggerendo gli effetti possono non essere permanenti", ha detto David Malarkey, DVM, Ph.D., un patologo NIEHS e co-autore sulla carta.

Fenton sottolinea che questi risultati possono vanno oltre atrazina sola, e possono essere rilevanti per altri erbicidi si trovano nella stessa famiglia, tra cui clorotriazina Propazina e simazina. Tutti e tre gli erbicidi creare lo stesso set di prodotti di degradazione.

Fenton dice sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il meccanismo d'azione delle chlorotriazines e dei loro metaboliti in tessuto mammario e prostatico. "Questi tessuti sembrano essere particolarmente sensibili agli effetti di atrazina e dei suoi prodotti di degradazione," Fenton aggiunto. "Gli effetti possono essere dovuti alla fase di sviluppo fetale al momento gli animali sono stati esposti."

"Ci auguriamo che queste informazioni saranno utili per l'EPA, in quanto completa la sua valutazione del rischio di atrazina,", ha detto Linda Birnbaum, Ph.D., direttore del NIEHS e del National Toxicology Program.

Fenton presenterà i suoi risultati di ricerca nel mese di settembre per l'EPA, come parte della sua rivalutazione di atrazina. EPA ha annunciato nel 2009 che aveva cominciato una nuova valutazione completa di atrazina per determinare i suoi effetti sugli esseri umani. Alla fine di questo processo, l'agenzia deciderà se rivedere la sua valutazione del rischio attuale di atrazina e se nuove restrizioni sono necessarie per meglio tutelare la salute pubblica.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha