Esistono disparità sanitarie tra i donatori di rene neri e ispanici

Aprile 28, 2016 Admin Salute 0 18
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Donatori di rene neri e ispanici sono significativamente più probabilità di donatori bianchi di sviluppare ipertensione, diabete e malattie renali croniche, secondo una nuova ricerca di Saint Louis University pubblicato nel 19 agosto 2010 numero del New England Journal of Medicine.

"Abbiamo da tempo noto che il diabete e l'ipertensione colpiscono in modo sproporzionato i neri e gli ispanici. La nostra ricerca ha scoperto che queste disparità razziali esistono anche tra i donatori di rene viventi, dalla donazione", ha detto Krista Lentine, MD, professore associato di medicina interna e ricercatore del cavo a Saint Louis University School of Medicine. "Una maggiore attenzione alle conseguenze per la salute tra i donatori di rene demograficamente diversi è necessario."

I ricercatori dicono che, mentre questi risultati non devono essere utilizzati per scoraggiare chiunque dal donare sulla base della razza e sola etnia, questi fattori dovrebbero essere presi in considerazione quando consulenza potenziali donatori sui loro rischi per la salute futura.




Live Kidney Donazione disparità

Data la notevole carenza di organi, molti pazienti con malattia renale allo stadio terminale si basano su vivere trapianto di rene del donatore. Secondo Lentine, nel 2006, circa 27.000 trapianti di reni di donatori vivi sono stati segnalati in tutto il mondo, e donatori viventi forniti quasi il 40 per cento dei trapianti di rene negli Stati Uniti

La necessità di donatori di rene vivi è maggiore fra i neri, che sono significativamente più probabilità di sviluppare la malattia renale allo stadio terminale, ma hanno meno accesso ai trapianti di rene. I ricercatori dicono che i neri sono meno probabilità di identificare un potenziale donatore e le loro potenziali donatori sono più probabilità di avere condizioni di salute a una valutazione che limitano la loro capacità di donare.

Circa la ricerca

I ricercatori hanno utilizzato crediti di assicurazione da un fornitore di assicurazione private, legate identificativi del reperimento di organi e trapianto di rete, per esaminare le variazioni del rischio di post-donazione diagnosi mediche in base alla razza.

Tutti i donatori di rene potenziali sottoporre alla valutazione che si concentra su escludendo i pazienti con anomalie mediche, al momento della valutazione. Dopo la donazione di rene, i ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai donatori bianchi, i donatori neri erano il 52 per cento più probabilità di essere diagnosticati con ipertensione donatori ispanici sono stati anche il 36 per cento più probabilità di donatori bianchi di essere diagnosticati con ipertensione. Inoltre, i donatori neri e ispanici erano più di due volte più probabile che, come donatori bianchi di essere diagnosticati con malattia renale cronica e di avere il diabete trattati con farmaci. Modelli relativi erano simili a quelle della popolazione generale.

Mentre normale valutazione medica pre-donazione aumenta la probabilità complessiva di buona salute a lungo termine per i donatori, Lentine dice solo queste proiezioni non si può pretendere di eliminare l'impatto dei fattori di rischio epidemiologici per le malattie nel tempo, come l'invecchiamento e la razza.

"Non stiamo proponendo alcun cambiamento alla politica di selezione dei donatori sulla base di questi dati," ha detto Lentine. "Tuttavia, questi risultati dimostrano che abbiamo bisogno di una politica nazionale di donatori lungo follow up, in contrasto con l'attuale due anni di monitoraggio mandato, in modo da poter catturare e monitorare i risultati di donatori da tutti i gruppi socio-demografici."

Comprendere i rischi di post-donazione ipertensione e diabete

Secondo Lentine, sono necessari ulteriori studi per capire le conseguenze del diabete post-donazione e ipertensione sulla salute generale dei donatori. Nella popolazione generale, l'ipertensione e il diabete sono tipicamente associati con un aumentato rischio di complicanze d'organo. Tuttavia, poiché i donatori di rene spesso ricevono più stretta sorveglianza e l'intervento precoce, le conseguenze possono essere più mite in questo gruppo.

Anche se il rischio di gravi danni d'organo è piccola con una buona cura, una migliore comprensione del rischio per l'ipertensione e il diabete è rilevante ai donatori di consulenza sui possibili rischi finanziari da prescrizioni futuri, cure mediche e premi assicurativi associati.

"Tutti i donatori dovrebbero impegnarsi a lungo termine medico di follow-up in modo che eventuali condizioni di salute che si presentano nel corso del tempo possono essere riconosciuti e trattati," Lentine detto.

Co-autori dello studio includono Lentine, Mark A Schnitzler, Ph.D., e Huiling Xiao, MS, dal Center for Outcomes Ricercatore a Saint Louis University School of Medicine; Georges Saab, MD, e Daniel C. Brennan, MD, da Washington University School of Medicine in St. Louis; Paolo R. Salvalaggio, MD, Ph.D., e Connie L Davis, MD, dell'Università di Washington a Seattle; David Axelrod, MD, dal Dartmouth - Hitchcock Medical Center; da Kevin C Abbott, MD, MPH, da Walter Reed Army Medical Center.

Lo studio è stato finanziato in parte da sovvenzioni dal National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha