Estratto di cardo mariano si ferma il cancro ai polmoni nei topi, spettacoli di studio

Marzo 25, 2016 Admin Salute 0 66
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tissue condizioni della ferita, come consente tumori di crescere e diffondersi. Nelle cellule tumorali del polmone di topo, il trattamento con silibinin, una componente importante di cardo mariano, rimosso i cartelloni molecolari che segnalano le condizioni della ferita simile e così fermato la diffusione di questi tumori polmonari, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Molecular Carcinogenesis.

Sebbene l'estratto naturale è stato utilizzato per più di 2.000 anni, principalmente per trattare disturbi del fegato e della cistifellea, questo è uno dei primi attentamente controllata e riportati studi per trovare beneficio.

Come funziona




Fondamentalmente, in una cella ci può essere una catena di segnali, uno che porta alla successiva, al successivo, ed eventualmente un prodotto finale. E così se si vuole eliminare un prodotto finale, si può guardare a rompere un anello della catena di segnalazione che conduce ad esso. I prodotti finali COX2 e iNOS sono enzimi coinvolti nella risposta infiammatoria alle ferite percepiti - entrambi possono aiutare la crescita del tumore. Far monte nella catena di segnalazione che porta a questi enzimi sono indesiderati STAT1 e STAT3. Questi fattori di trascrizione consentono la matrice di DNA di legarsi con le proteine ​​che continuano la cascata del segnale, portando infine alla produzione di COX2 nocivo e iNOS.

Arresto STAT1 e STAT3 e si spezza la catena che porta alla COX2 e iNOS - e la crescita di tumori polmonari con loro.

"Questa sostanza relativamente non tossico - un derivato del cardo mariano, chiamato silibinin - era in grado di inibire i segnali a monte che portano all'espressione della COX2 e iNOS," afferma Alpna Tyagi, PhD, della University of Colorado Skaggs Facoltà di Farmacia . Tyagi lavora nel laboratorio dell'Università di Colorado Cancer Center ricercatore Rajesh Agarwal, PhD.

Inoltre, Tyagi e collaboratori hanno confrontato gli effetti di silibinin ai farmaci attualmente in sperimentazione clinica per il cancro del polmone. Sarebbero farmaci che hanno come target altre vie di segnalazione - altre catene legate - tagliati allo stesso modo nella produzione di COX2 e iNOS?

Si è scoperto che inibendo le catene di JAK1/2 e MEK in combinazione e anche inibire le vie di segnalazione di EGFR e NF-kB in combinazione bloccato la capacità di STAT1 e STAT3 per intrappolare l'energia di cui avevano bisogno per eventualmente segnalare COX2 e iNOS produzione.

Rispetto a questi svariati milioni di dollari di droga, che si verificano naturalmente silibinin bloccato non solo l'espressione di COX2 e iNOS, ma anche la migrazione delle cellule del cancro del polmone esistenti.

"Quello che abbiamo mostrato è che STAT1 e STAT3 potrebbero essere promettenti bersagli terapeutici nel trattamento del cancro del polmone, non importa come li bersaglio", dice Tyagi. "E anche che i prodotti di derivazione naturale come silibinin possono essere efficace come migliori trattamenti di oggi."

Questo lavoro è stato sostenuto da NCI RO1 concessione CA113876.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha