Estrogeni Applied Per pene umano potrebbe bloccare diffusione del virus HIV, studio suggerisce

Maggio 14, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In un mondo in primo luogo, uno studio dell'Università di Melbourne ha dimostrato che gli estrogeni topici potrebbe aiutare a prevenire l'infezione da HIV bloccando l'ingresso del virus nel pene dell'uomo.

Lo studio che sarà pubblicato in PLoS ONE rivista 4 giugno rivela che l'applicazione di estrogeni al pene umano ha aumentato lo spessore dello strato di cheratina naturale sulla pelle, che potrebbe prevenire l'HIV di infettare il maschio.

L'epitelio del pene umano è riccamente fornita con recettori per gli estrogeni suggerendo che potesse rispondere a estrogeni topici.




Dr Andrew Pask del Dipartimento di Zoologia presso l'Università di Melbourne ha analizzato i campioni di tessuto da 12 prepuzi e ha fatto la scoperta.

"Questo suggerisce che l'estrogeno potrebbe indurre un ispessimento dello strato di cheratina dell'epidermide prepuzio nello stesso modo agisce nella vagina," ha dichiarato Pask.

"Cheratina sulla nostra pelle agisce da barriera alle infezioni virali. Speriamo di essere in grado di migliorare tale protezione con l'uso di un naturale, estrogeni deboli," ha detto il professor Roger Breve della Facoltà di Medicina, Odontoiatria e Scienze della Salute che guidano il ricerca.

Per confermare l'effetto, estrogeno topico è stato applicato al prepuzio umano per una prova di due settimane. Ciò ha determinato un aumento rapido e sostanziale di spessore cheratina.

"Abbiamo trovato una nuova strada per prevenire l'infezione da HIV, eventualmente, del pene."

HIV è una delle più grandi crisi sanitarie che il mondo abbia mai visto, e colpisce più di 40 milioni di persone in tutto il mondo.

Professor breve dice che l'HIV è in aumento soprattutto nei paesi in cui i maschi non sono circoncisi.

"Nei paesi in cui la circoncisione non è religioso o culturalmente accettato, trattamenti di estrogeni al pene potrebbe essere molto efficace nel ridurre la diffusione della malattia."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha