Estrogeni può aumentare il rischio di eventi cardiovascolari nelle donne in menopausa

Marzo 16, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne sono meno inclini a malattie cardiovascolari poi gli uomini; ma questa differenza tra i sessi diventa meno marcata dopo la menopausa. Questa osservazione è dietro una grande quantità di saggezza ricevuta, in cui gli estrogeni si assume di avere un effetto benefico sul cuore e vasi sanguigni. Oggi, nuovi dati sembrano mettere in discussione questi presupposti. Uno studio è stato condotto da un team di ricercatori Inserm, diretto da Pierre-Yves Scarabin (Inserm Unità 1018 "Centro di Epidemiologia e Population Health Research"), su 6.000 donne di età superiore ai 65 anni; i risultati dimostrano per la prima volta, che le donne con alti livelli di estradiolo nel sangue sono esposti a un maggiore rischio di infarto miocardico o ictus.

I risultati sono pubblicati nel Journal of American Heart Association.

Ormoni estrogeni giocano un ruolo chiave nello sviluppo sessuale e della riproduzione nelle donne. L'estradiolo è l'ormone più attivo. I suoi livelli nel sangue sono particolarmente elevati durante il periodo riproduttivo attiva. Dopo la menopausa, la funzione ovarica cessa, portando ad una diminuzione significativa dei livelli di estrogeni nel sangue (tessuto adiposo diventa la principale fonte di estrogeni). Tuttavia, basse concentrazioni di questi ormoni non continuano a circolare e possono ancora esercitare azioni biologiche.




Nel corso della loro vita, le donne sono meno esposti al rischio di malattie cardiovascolari rispetto agli uomini. Per molti anni, questa immunità relativa mostrata dalle donne è stato attribuito a estrogeni intraprendere un ruolo di 'protezione' in termini di aterosclerosi e le sue complicanze. Tuttavia, questa ipotesi non è stata confermata da recenti ricerche nel trattamento ormonale della menopausa. somministrazione di estrogeni non prevenire la malattia arteriosa ischemica nelle donne in menopausa e potrebbe anche avere un effetto nocivo sulle donne nella fascia di età più alta.

Fino ad oggi, nessuno studio è stato in grado di identificare chiaramente il legame tra ormoni sessuali endogeni circolante ed il rischio cardiovascolare nelle donne in menopausa.

Oggi, questo vuoto di conoscenza è stato ridotto dai risultati di uno studio di coorte francese (tre Città Studi-3C) effettuato su circa 6.000 donne di età superiore ai 65 tra il pubblico in generale. Livelli di estradiolo nel sangue sono stati misurati al momento dell'ingresso nella coorte e, dopo il controllo effettuato durante un periodo di quattro anni, erano apparsi 150 nuovi casi di malattie cardiovascolari.

Per la prima volta, i risultati dimostrano che i livelli elevati di estradiolo nel piombo nel sangue ad un aumentato rischio di infarto miocardico o ictus, anche se la causa e collegamento effetto non è mostrato. Questa relazione non è influenzato da altri fattori noti di rischio cardiovascolare, in particolare diabete e obesità.

Altri risultati mostrano che gli estrogeni sembra interessare alcuni meccanismi coinvolti ostruzione arteriosa, che provoca malattie cardiovascolari. Anche se l'effetto coagulante di estrogeni è chiaramente definito, la ricerca significativa è ora richiesto di stabilire il suo ruolo nel processo infiammatorio, in particolare nelle donne obese, dove l'accumulo di tessuto adiposo è associato con alti livelli di estrogeni.

Questi nuovi dati in discussione il ruolo benefico degli estrogeni sul cuore e dei vasi. "Gli studi freschi devono confermare questo effetto dannoso e stabilire se questi risultati possono essere applicati a donne in menopausa più giovani", ha dichiarato Pierre-Yves Scarabin.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha