Everolimus-eluting stent più sicuro, più efficace di paclitaxel-eluting stent, studio suggerisce

Maggio 26, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I risultati della sperimentazione clinica SPIRIT IV, che sono stati prima presentati al Transcatheter Cardiovascular Therapeutics (TCT) 2009 simposio scientifico, sono stati pubblicati il ​​4 maggio a New England Journal of Medicine.

I dati dello studio, un grande studio multicentrico di quasi 4.000 pazienti negli Stati Uniti, hanno dimostrato che gli stent a eluizione di everolimus hanno dimostrato una maggiore sicurezza ed efficacia nel trattamento delle lesioni de novo dell'arteria coronarica nativi rispetto agli stent-Paclitaxel. Il processo, che è stato alimentato per la superiorità di endpoint clinici senza follow-up angiografico, ha esaminato anche le differenze di performance delle due stent nei pazienti con diabete.

"I dati pubblicati oggi New England Journal of Medicine, e segnalati al TCT, prova di maggiore sicurezza e l'efficacia dello stent-everolimus rispetto allo stent a rilascio di paclitaxel in questo studio su larga scala senza routine follow-up angiografico. Il risultati dello studio suggeriscono che anche una minima perdita di ritardo può essere raggiunto con stent a rilascio di farmaco senza sacrificare la sicurezza ", ha detto il ricercatore principale Gregg W. Stone, MD, Professore di Medicina alla Columbia University College of Physicians e Surgeons, Direttore di Ricerca Cardiovascolare e l'istruzione a il Centro di Terapia interventistica vascolare a NewYork-Presbyterian Hospital/Columbia University Medical Center e co-direttore della Ricerca e Formazione Divisione Medical al Cardiovascular Research Foundation.




L'endpoint primario dello studio era il fallimento della lesione target (TLF) a un anno, un provvedimento composito di morte cardiaca, vaso bersaglio infarto o ischemia-driven rivascolarizzazione della lesione target (TLR). I principali endpoint secondari dello studio erano ischemia-driven TLR ad un anno, e il tasso composito di morte o del vaso bersaglio cardiaca infarto a un anno.

Per stent a eluizione di everolimus, TLF ad un anno è stata del 4,2 per cento, e per gli stent a eluizione di paclitaxel, TLF è stata del 6,8 per cento, una significativa riduzione del 38 per cento.

Ad un anno, ischemia-driven TLR è stato del 2,5 per cento per gli stent-everolimus e 4,6 per cento per gli stent-Paclitaxel, una significativa riduzione del 45 per cento.

I tassi compositi di morte cardiaca o del vaso bersaglio infarto miocardico attraverso un anno non erano statisticamente differenti con i 2 stent (2,2 per cento per gli stent-everolimus e 3,2 per cento per gli stent-Paclitaxel). I tassi di un anno di infarto miocardico e di trombosi dello stent, tuttavia, erano anche più bassa con stent a eluizione di everolimus che con stent a rilascio di paclitaxel (1,9 per cento contro 3,1 per cento per l'infarto miocardico e 0,17 per cento contro 0,85 per cento di trombosi dello stent.)

I risultati erano coerenti indipendentemente dalla lunghezza della lesione, dimensione della nave e il numero di lesioni trattate. Tuttavia, nel sottogruppo diabetici-paziente, lo studio ha rilevato un tasso comparabile di TLF con entrambi gli stent, mentre nei pazienti senza diabete, stent a eluizione di everolimus ridotti TLF del 53 per cento rispetto a stent a eluizione di paclitaxel.

"I risultati nei pazienti con diabete può ancora essere migliorato, e dovrebbero rappresentare un 'area di messa a fuoco per lo sviluppo futuro di nuovi farmaci e di design dello stent migliorato", ha detto il dottor Stone.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha