Famiglie con bambini in età prescolare che comprano meno cibi ipercalorici e bevande

Aprile 19, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Famiglie con bambini piccoli sono l'acquisto di un numero inferiore di bevande ad alto contenuto calorico e di alimenti trasformati, che possono essere un fattore di calo dei tassi di obesità infantile, trova un nuovo rapporto in American Journal of Preventive Medicine.

"Da qualche parte tra il 2003 e il 2010, la tendenza al rialzo in obesità infantile ha iniziato a perdere colpi stabilizzarsi intorno al 2007", ha detto l'autore principale dello studio Christopher Ford, MPH del dipartimento di nutrizione presso l'Università del North Carolina a Chapel Hill. Le ultime Centers for Disease Control e Prevention dati hanno mostrato un calo significativo di obesità tra i bambini di età compresa tra 2 e 5 anni, dal 12,1 per cento al 8,4 per cento.

Ford ei suoi co-autori hanno esaminato i dati di cibo e bevande di acquisto tra il 2000 e il 2011 di quasi 43.000 famiglie americane con un bambino in età prescolare. Hanno utilizzato il Homescan Panel Nielsen, che comprende un campione rappresentativo di famiglie americane, mentre il controllo di grandi variazioni dei prezzi e reddito familiare, la demografia e la composizione.




Tenendo conto delle recessioni del 2003 e del 2007 ", durante la quale ci sarebbe stato meno rifiuti", osserva Ford, il team ha identificato i primi 20 cibi e bevande acquistati pro capite nel corso di tale periodo di 11 anni. Hanno assegnato acquisti delle famiglie in nove gruppi di analisi: i dessert a base di cereali, snack salati, cereali pronti per il consumo, snack dolci e caramelle, salumi, bibite, succhi di frutta e succhi di bevande, latte puro e latte zuccherato.

I ricercatori hanno scoperto le calorie totali da cibo e bevande sono diminuiti in modo significativo gli acquisti. Riduzioni sono state particolarmente notato in latte, bibite, succhi di frutta e succo di bevande, a base di cereali e gli acquisti da dessert, tutte con grassi ipercalorici solidi superiori e zuccheri aggiunti. Pro capite, calorie acquistati al giorno sono diminuite di 182 nel corso del periodo.

"Sappiamo da ricerche precedenti che il 70 al 80 per cento della dieta prescolare viene da negozi, con il resto proveniente da mensa scolastica e centri per l'infanzia", ​​ha detto Ford.

Famiglie ispaniche hanno visto il più piccolo calo di calorie totali accumulati, forse a causa di un minore accesso ai negozi con prodotti con codici a barre e una maggiore spesa proporzionale su frutta e verdura.

"Le discussioni circa l'obesità infantile spesso si concentrano sugli effetti negativi di fast food", ha detto Meghan Slining, Ph.D., professore assistente di servizi sanitari a Furman University. "E mentre questi sono in effetti riguarda validi, cibi e bevande acquistati presso supermercati e negozi di alimentari rappresentano una quota molto maggiore delle diete dei bambini piccoli. Questo rapporto suggerisce importanti miglioramenti negli ultimi dieci anni nei comportamenti alimentari commerciali di famiglie americane con bambini."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha