Farmaci trombolitico collegati ad un aumento della mortalità negli anziani

Marzo 17, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Boston, MA - Sempre più pazienti attacco di cuore sono sempre terapia trombolitica a seguito di studi che dimostrano i farmaci coagulo-busting può ridurre il rischio di morte. Ma un nuovo studio condotto da ricercatori della Harvard Medical School aggiunge alla crescente corpo di prove che i farmaci trombolitici possono aumentare il rischio di morte per alcuni pazienti, in particolare la più antica e quelli con alcune condizioni mediche o storie. I risultati suggeriscono che le linee guida nazionali per l'uso di questi drugsжsuch come streptochinasi e attivatore tissutale del plasminogeno (t-PA) жshould essere applicati con maggiore selettività, ed eventualmente rivisti, per massimizzare i benefici e minimizzare i rischi a causa di sanguinamento o ictus, ha detto l'autore Stephen Soumerai, professore di cure ambulatoriali e prevenzione presso la Harvard Medical School e della Harvard Pilgrim Health Care. Co-autori dell'articolo, che appare nei 11 marzo Archives of Internal Medicine, sono due dei colleghi di Soumerai del HMS/HPHC Dipartimento di Ambulatorio Cura e prevenzione, assistente professore Thomas McLaughlin e professore associato Dennis Ross-Degnan, insieme con i collaboratori da Boston University School of Public Health e della University of Massachusetts Medical School. Lo studio è stato finanziato dal National Institute on Aging dei National Institutes of Health.

I ricercatori hanno esaminato i record di 2659 pazienti con infarto miocardico acuto ricoverati in 37 ospedali di comunità del Minnesota dal 1992 al 1996. Di questo gruppo, 719 pazienti erano eleggibili per la terapia trombolitica secondo le linee guida, che si basano su di tempo dall'inizio dei sintomi (meno di 12 ore) , letture elettrocardiografo, e l'assenza di controindicazioni, come traumi, emorragie, o estremamente alta pressione sanguigna.

Nello studio, circa il 63 per cento dei pazienti eleggibili e il 14 per cento dei pazienti non ammissibili hanno ricevuto i farmaci. La terapia trombolitica è stato associato ad una ridotta mortalità tra i pazienti eleggibili di età inferiore ai 80 anni, ma con un aumento della mortalità nei pazienti più anziani. Tra i pazienti eleggibili 80 a 90 anni, quelli che ha ottenuto la droga avevano circa il 40 per cento maggiore rischio di morte in ospedale rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto la droga. Per i pazienti non ammissibili, l'uso dei farmaci aumenta il rischio di morte, indipendentemente dall'età. Per l'intero gruppo di pazienti (età 65-plus), il rischio di morte associato alla terapia trombolitica è aumentato del 4 per cento per ogni anno di età.




Ci sono diversi motivi per cui i pazienti anziani possono non condividere i benefici della terapia trombolitica osservato nei pazienti più giovani. Gli anziani sono più probabilità di avere controindicazioni, i rischi di sanguinamento e di ictus sono notevolmente aumentati, e tendono a verificarsi ritardi più lunghi tra l'insorgenza dei sintomi e il ricovero in ospedale che riducono in modo sostanziale effetto dei farmaci sulla sopravvivenza. Trentotto per cento dei pazienti nello studio che ha ottenuto la terapia trombolitica ha controindicazioni. Questo suggerisce che i pazienti di attacco di cuore in contesti tipici di pratica non sono così accuratamente selezionati per la terapia trombolitica, come i pazienti in studi areжa problema che frustra comunemente la transizione dei trattamenti derivanti da studi clinici in pratica comunità.

"I pazienti più anziani, anche quelli senza controindicazioni alla terapia, sperimentato un eccesso di rischio di mortalità rispetto ai pazienti non trattati", scrivono gli autori. "I risultati di questo studio suggeriscono la necessità di rivalutare il nostro approccio per l'utilizzo della terapia trombolitica nel trattamento dei pazienti con infarto miocardico acuto età superiore ai 75 anni."

Uno studio da John Hopkins University, pubblicato nel 16 maggio, 2000 Circulation, ha prodotto risultati simili: i pazienti oltre 75 anni che ha ottenuto i farmaci trombolitici erano quasi il 40 per cento più probabilità di morire entro 30 giorni rispetto ai pazienti che non ricevono i farmaci.

"Molti medici sono stati riluttanti a prescrivere la terapia trombolitica per più antiche pazienti con infarto miocardico, nonostante le linee guida che promuovono con forza la terapia per i pazienti di tutte le età", ha detto Soumerai. "I nostri risultati, insieme a quelli dello studio precedente, sembrano davvero per giustificare le loro preoccupazioni." Gli autori raccomandano che i trattamenti alternativi per i pazienti anziani, come l'angioplastica coronarica primaria, ulteriormente valutate.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha