Fat Synthesizing Enzyme è la chiave per pelle sana e capelli

Aprile 23, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati degli Istituti Gladstone della malattia cardiovascolare (GICD) hanno scoperto che un enzima associato con la sintesi del grasso nel corpo è anche un elemento in pelle e capelli sani.

L'enzima è acile CoA: diacilglicerolo aciltransferasi 1 o DGAT1. I topi che mancano di DGAT1 hanno molte caratteristiche interessanti. Ad esempio, sono magra, resistenti all'obesità indotta dalla dieta, sono più sensibili all'insulina e leptina, e anomalie di sviluppo della ghiandola mammaria e la pelle.

Quando i ricercatori Gladstone nel laboratorio di Robert V. Farese, Jr. usato l'ingegneria genetica per eliminare l'enzima nei topi, hanno scoperto che la mancanza di DGAT1 causato livelli di acido retinoico (RA) per essere notevolmente aumentati in pelle e determinato la perdita di capelli. I loro risultati sono stati riportati nel Journal of Biological Chemistry.




"Da qualche tempo, abbiamo studiato gli enzimi che rendono i trigliceridi", ha detto Robert V. Farese, Jr., ricercatore senior e autore senior dello studio. "Abbiamo scoperto che uno di questi enzimi è un importante regolatore di azioni dell'acido retinoico nella pelle."

RA, che proviene dalla vitamina A (retinolo) è stato utilizzato per il trattamento di malattie della pelle, come acne e psoriasi, e alcuni tipi di cancro, ma è abbastanza tossico e deve essere attentamente controllata.

Nei topi senza DGAT1, la pelle era molto sensibile al retinolo. La perdita di DGAT1 anche causato alopecia o perdita dei capelli. Entrambi questi effetti potrebbero essere evitati privando i topi di una fonte di retinolo nella loro dieta. Si scopre che DGAT1 può convertire retinolo a una forma di deposito relativamente inerte. Senza DGAT1, questa capacità è perso, e ogni retinolo eccesso nella pelle può essere convertito in RA.

"I nostri risultati mostrano che DGAT1 è una componente importante per il controllo dei livelli di acido retinoico nella pelle di topi", ha detto Michelle Shih, l'autore principale dello studio. "Questi risultati potrebbero avere implicazioni per il trattamento di malattie della pelle o dei capelli umani."

Maureen A. Kane, Ping Zhou, C.I. Eric Yen, Ryan S. Streeper, Joseph L. Napoli, e Robert V. Farese Jr. hanno contribuito alla ricerca. Il finanziamento è stato fornito dal NIH concede DK-056.084 per RF e DK36870 a JLN, e da una ricerca extramurali strutture sovvenzione da parte del Centro nazionale per le risorse di ricerca (C06 RR018928), e dai Gladstone Institutes J. David.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha