Fattori infiammatori e edema maculare diabetico

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 34
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Con un nuovo studio dai Centers for Disease Control and Prevention prevedere che la retinopatia diabetica triplicherà da 5,5 milioni nel 2005 a 16 milioni nel 2050, i trattamenti migliorati sono urgentemente necessari per questo causa di cecità nelle persone in età lavorativa. Lo studio CDC è l'ultimo indicatore di una epidemia di diabete in tutto il mondo che è motivante la ricerca oftalmica in tutto il mondo.

Hideharu Funatsu, MD, e colleghi presso l'Università di Tokyo Medical femminile, Giappone, concentrati su edema maculare diabetico (DME) una grave complicanza della retinopatia. Le loro scoperte sui fattori infiammatori associati con DME sono presentati in Oftalmologia di questo mese, la rivista della American Academy of Ophthalmology.

Retinopatia tipicamente si sviluppa gradualmente nel corso di molti anni, nelle persone che hanno il diabete. Questo impatta la retina, l'area sul retro dell'occhio che concentra immagini per la trasmissione al cervello. Complicanze avanzate includono la crescita di vasi sanguigni anomali sulla retina e nervo ottico, e DME, gonfiore della macula al centro della retina come perdite di fluido dai vasi sanguigni permeabili. Proprio come DME sviluppa è chiaro, ma la condizione è simile a infiammazione cronica che può verificarsi in altre aree del corpo. Quando si verifica l'infiammazione, il sistema immunitario del corpo rilascia messaggeri chimici nel sangue o tessuti colpiti, nel tentativo di liberare il corpo di una percepita infezione, irritanti, o lesioni. Alcune delle sostanze chimiche causare perdite di liquido nei tessuti, con conseguente gonfiore.




Gruppo misurati livelli del Dr. Funatsu di quattro fattori infiammatori e un fattore anti-infiammatori nel gel vitreale, che riempie l'occhio tra la lente e la retina, in 53 pazienti con DME, 15 pazienti con malattia oculare diabetica, e 8 pazienti diabetici senza retinopatia. Fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), molecola di adesione intercellulare (ICAM) -1, l'interleuchina (IL) -6, monociti chemiotattica proteine ​​(MCP) -1 e l'anti-infiammatorio fattore pigmento epitelio-derivato (PEDF) sono stati selezionati perché precedenti ricerche li aveva legati allo sviluppo o esacerbazione della DME.

Tutti i quattro fattori infiammatori erano significativamente superiori e PEDF significativamente inferiore nel vitreo di pazienti con DME rispetto agli altri due gruppi di pazienti. VEGF e ICAM-1 aveva una forte influenza della gravità DME rispetto agli altri fattori. VEGF è un forte fattore di permeabilità vascolare che si overproduced in risposta a livelli di ossigeno ridotti nelle retine di persone con retinopatia, e la ricerca del dottor Funatsu suggerisce che VEFG è la chiave per la risposta infiammatoria in DME. Sulla prima, reperti simili, lo studio indica anche che PEDF può bloccare l'espressione e le azioni dei fattori infiammatori chiave.

Anche se questo studio suggerisce che l'iniezione intravitreale di steroidi come il triamcinolone acetonide può essere utile nel trattamento DME, ulteriori studi clinici sono necessari per confermare questi risultati.

"Triamcinolone acetonide down-regola VEGF e ICAM-1, inibisce le cellule infiammatorie, stabilizza le membrane cellulari, e aumenta i livelli di PEDF. Sembra di controllare più dei messaggeri citochine che contribuiscono a anormale permeabilità dei vasi sanguigni", ha detto il dottor Funatsu. Egli aggiunge che ulteriori attenzione VEGF e ICAM-1 può ulteriormente illuminare i meccanismi di ripartizione dei vasi sanguigni in DME e portare a nuovi trattamenti.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha