FDA ha approvato leucemia droga mostra la promessa in cellule di cancro ovarico

Aprile 10, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il farmaco Sprycel, approvato per l'uso da parte della Food and Drug Administration in pazienti con leucemia mieloide cronica, ha inibito significativamente la crescita e l'invasività delle cellule di cancro ovarico e promosso la loro morte, uno studio condotto da ricercatori con Jonsson Comprehensive Cancer Center della UCLA trovato.

Il farmaco, se abbinato con un regime chemioterapico, è stato ancora più efficace nella lotta contro il cancro ovarico in linee cellulari in cui la segnalazione delle chinasi della famiglia Src, associata con la malattia mortale, viene attivato.

Lo studio appare nel novembre 10, edizione 2009 del British Medical Journal.




Il cancro ovarico, che colpirà 21.600 donne quest'anno e uccidere 15.500, provoca più morti di qualsiasi altro cancro del sistema riproduttivo femminile. Esistono terapie efficaci pochi per il cancro ovarico, quindi sarebbe vantaggioso per i pazienti se un nuovo farmaco potrebbe essere trovato che combatte il cancro, ha detto Gottfried Konecny, un assistente professore di ematologia/oncologia, un ricercatore Jonsson Cancer Center e primo autore dello studio .

"Penso Sprycel potrebbe essere un farmaco aggiuntivo potenziale per il trattamento di pazienti affetti da Src dipendente cancro ovarico", ha detto Konecny. "È importante ricordare che questo lavoro è solo su linee cellulari tumorali, ma è abbastanza significativo che deve essere usata per giustificare sperimentazioni cliniche per confermare che le donne con questo tipo di cancro ovarico potrebbero beneficiare."

Recenti studi di espressione genica hanno mostrato che circa un terzo delle donne hanno tumori ovarici con percorsi Src attivato, in modo che il farmaco potrebbe potenzialmente contribuire a 7.000 pazienti con tumore ovarico ogni anno.

In questo studio, il team di UCLA ha testato il farmaco contro 34 linee di cellule di cancro ovarico e condotto analisi genetiche su tutte le linee cellulari. Attraverso queste analisi, i ricercatori sono stati in grado di identificare i geni che predicono la risposta a Sprycel. Se il lavoro viene confermata in studi sull'uomo, può essere possibile testare pazienti per l'attivazione Src e selezionare quelli che risponderebbe prima del trattamento, personalizzare la loro cura.

"Siamo stati in grado di identificare i marcatori in ambito pre-clinico, che ci avrebbe permesso di predire la risposta a Sprycel," Konecny, ha detto. "Questi ci possono aiutare in futuri studi clinici in selezione dei pazienti per gli studi del farmaco."

Sprycel è ciò che è noto come un inibitore chinasi "sporco", significa che inibisce più di una via. Konecny ​​ha detto che inibisce anche la chinasi di adesione focale e efrina recettori, anche associati con il cancro ovarico.

Il prossimo passo, Konecny ​​ha detto, sarebbe quello di testare il farmaco su donne con cancro ovarico in una sperimentazione clinica. Il tessuto di responder sarebbe poi essere analizzati per determinare se sono stati attivati ​​la Src e altri percorsi. Se questo è confermato, sarebbe un'ulteriore prova che Sprycel potrebbe essere usato per combattere il cancro ovarico. Negli studi, le donne sarebbero state vagliate prima di entrare in un processo e solo quelli con Src tumori dipendenti potrebbero essere iscritti a fornire ulteriori prove, Konecny ​​detto, proprio come gli studi del farmaco cancro al seno mirato molecolarmente Herceptin ha arruolato solo donne che avevano HER-2 positivo malattia.

"Herceptin è diversa perché sapevamo in anticipo che l'unico lavorato nelle donne con HER-2 di amplificazione," ha detto. "In questo caso, non sappiamo chiaramente che ancora. I dati ci rassicurano che il farmaco funziona, dove gli obiettivi sono over-espressi, ma abbiamo bisogno di ulteriori test per confermare questo."

I test che combinano la droga con la chemioterapia sono significativi perché la chemioterapia attualmente è il trattamento di prima linea per i pazienti con tumore ovarico dopo l'intervento. Poiché Sprycel dimostrato di avere un effetto sinergico quando combinato con la chemioterapia - entrambi realizzati altri lavori meglio - può essere possibile aggiungere alla terapia mirata come trattamento di prima linea se la sua efficacia è confermata in studi futuri, aggiungendo un nuovo strumento per arsenale di un oncologo.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha