Firma chimica di Manic Depression Scoperto

Giugno 24, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le persone con depressione maniacale hanno una firma chimica distinta nel cervello, secondo un nuovo studio. La ricerca può anche indicare come gli stabilizzatori dell'umore usati per trattare il disturbo contrastare i cambiamenti nel cervello che sembra causare.

Depressione maniacale, che è anche conosciuto come il disturbo bipolare, è una condizione psichiatrica debilitante caratterizzata da un'alternanza di mania e depressione, che colpisce circa uno ogni cento persone in tutto il mondo. Anche se è noto che la condizione può essere trattata efficacemente con il relativamente farmaci litio stabilizzatore dell'umore e l'acido valproico, le ragioni per cui questi trattamenti funzionano sono poco conosciuti.

Gli autori del nuovo studio, * dell'Imperial College di Londra, l'Università di Cambridge, e il National Institutes of Mental Health negli Stati Uniti, la speranza che la loro ricerca consentirà una migliore comprensione della condizione e di come può essere trattata.




I ricercatori hanno confrontato i campioni di tessuto cerebrale post-mortem delle persone con depressione maniacale con quelli di età e sesso controlli appaiati. I campioni sono stati prelevati dalla corteccia prefrontale dorsolaterale, che controlla i processi coinvolti in funzioni cognitive superiori. I ricercatori hanno analizzato i campioni utilizzando la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare e ha scoperto che le persone con depressione maniacale avevano diverse concentrazioni di sostanze chimiche in questa zona del cervello rispetto a quelli senza.

I ricercatori hanno utilizzato anche modelli di ratto per vedere gli effetti di litio e acido valproico sulla composizione metabolita del tessuto cerebrale non-bipolare. Essi hanno scoperto che questi farmaci hanno causato le opposte cambiamenti chimici a quelli osservati nei campioni di tessuto cerebrale bipolari. Sostanze chimiche che sono stati aumentati nel tessuto cerebrale bipolare sono diminuiti in ratti trattati con l'stabilizzatore dell'umore droga, e viceversa.

Le scoperte dei ricercatori li portano a credere che un risultato a sorpresa nella bilancia dei diversi neurotrasmettitori noti come neurotrasmettitori eccitatori e inibitori, che sono coinvolti nella trasmissione dei segnali nel cervello, può essere fondamentale per il disturbo. Lo studio suggerisce inoltre che il litio e acido valproico lavoro di ristabilire l'equilibrio di questi neurotrasmettitori nel cervello.

I livelli di glutammato, un aminoacido che agisce come neurotrasmettitore nel sistema nervoso centrale, sono stati aumentati in post mortem rapporti cerebrali ma glutammato/glutammina bipolari sono diminuiti dopo il trattamento valproato. I livelli di un altro neurotrasmettitore, l'acido gamma-aminobutirrico, sono aumentate dopo il trattamento di litio e sono diminuiti nel cervello bipolare. Sia creatina e mio-inositolo sono stati aumentati nel cervello post-mortem, ma esaurite con i farmaci.

Dr Tsz Tsang, uno degli autori dello studio del Dipartimento di Medicina Biomolecolare presso l'Imperial College di Londra gli autori, ha dichiarato: "Per identificare un profilo biochimico distinto nei pazienti con disturbo bipolare, la nostra nuova ricerca fornisce una preziosa analisi delle origini e le cause di la malattia. Inoltre, i cambiamenti che vediamo nelle firme metabolici delle persone può dare un bersaglio per la terapia farmacologica, che ci permette di vedere l'efficacia di un farmaco è a correggere questi cambiamenti.

"In questo caso, abbiamo già dimostrato che i cambiamenti biochimici che l'acido valproico e litio determinano in modelli mammiferi rappresentano quasi un'immagine speculare delle perturbazioni nel disturbo bipolare. Ciò può fornire un quadro utile per le azioni di questi trattamenti e una base per cui a migliorare la terapia in futuro ", ha aggiunto il dottor Tsang.

* Articolo Journal: "Metabonomic analisi identifica molecolare cambiamenti associati con il trattamento Fisiopatologia and Drug di disturbo bipolare" Molecular Psychiatry, il 5 febbraio 2007. Autori: Lan, MJ; e McLoughlin, G. A .; Griffin, J. L .; Tsang, T. M; Huang, J. T. J .; Yuan, P .; Manji, H .; Holmes, E. e S. Bahn

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha