'Firme' epigenetiche personali trovati consistente in metastasi 'di cancro alla prostata pazienti

Aprile 10, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In una analisi dell'intero genoma di 13 tumori della prostata metastatico, gli scienziati del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center hanno trovato epigenetici coerente "firme" in tutti i tumori metastatici in ciascun paziente. La scoperta degli stabili, epigenetici "segni" che si siedono sul DNA nucleare di cellule tumorali e alterano l'espressione genica, sfida la convinzione prevalente che i segni variano così tanto all'interno tumori diffusi di ogni individuo che hanno poco o nessun valore come bersagli per la terapia o come biomarcatori per la risposta al trattamento e prevedere la gravità della malattia.

Un rapporto della scoperta, pubblicata nel 23 gennaio di Science Translational Medicine, descrive una analisi genomica di 13 uomini che sono morti di cancro alla prostata metastatico e le cui campioni di tessuto sono stati raccolti dopo una rapida autopsia.

Campioni da tre a sei siti metastatici in ciascuno dei pazienti e da uno a tre campioni di tessuto normale loro sono stati analizzati per determinare la quantità di marchi molecolari costituite da gruppi metilici che si attaccano ai siti lungo il genoma in un processo noto come metilazione del DNA. Il processo è parte di un obiettivo di espansione di studio scientifico chiamato epigenetica, noti per aiutare processi cellulari in auto regolando quando e come i geni vengono attivati. Errori nei processi epigenetici sono anche noti per innescare o tumori del carburante.




"Conoscendo entrambi i cambiamenti genetici ed epigenetici che accadono in tumori della prostata letali può eventualmente aiutare a identificare i tumori più aggressivi prima e sviluppare nuove terapie che hanno come target quei cambiamenti", afferma Srinivasan Yegnasubramanian, MD, Ph.D., assistente professore di oncologia presso La Scuola Johns Hopkins University of Medicine. "Ma vi è stata una questione aperta se i cambiamenti epigenetici sono costantemente mantenute in tutti i siti metastatici di cancro di un individuo."

Il team di ricerca ha scoperto che, mentre i modelli di metilazione variano da paziente a paziente, si verificano molti modelli di metilazione "molto coerente" all'interno di diverse sedi metastatiche in un singolo paziente. Essi hanno identificato più di 1.000 regioni del genoma in cui vari tipi di metilazione del DNA sono stati costantemente mantenuti entro genomi dei loro 13 soggetti.

"Come si evolvono e crescono, le cellule tumorali acquisiscono e mantengono le modifiche che consentono loro di continuare a fiorente", dice Yegnasubramanian. "Sappiamo che le cellule tumorali mantenere e passare lungo variazioni genetiche nel nucleo delle cellule attraverso siti metastatici, e la nostra ricerca ora mostra che i cambiamenti epigenetici sono mantenuti anche a quasi lo stesso grado."

Gli scienziati dicono che i cambiamenti di metilazione consistenti hanno trovato sembrano rappresentare cosiddetto conducente passa fondamentale per lo sviluppo del cancro e potrebbero essere gli obiettivi per il trattamento. Per contro, le altre variazioni di metilazione trovano solo sporadicamente nei siti metastatici è più probabile che vengono chiamati i cambiamenti passeggeri che si verificano per caso e sono meno promettente come target terapeutici o biomarkers di cambio pilota.

"Il nostro studio mostra che per il cancro alla prostata, almeno, ogni persona sviluppa il proprio percorso al cancro e metastasi, e possiamo trovare una firma di quel percorso nei marchi epigenetici nei loro tumori", spiega Yegnasubramanian, che prevede che alcuni cambiamenti epigenetici possono essere raggruppati in cluster da utilizzare come biomarcatori di segnalazione un cancro letale. Yegnasubramanian e il suo team hanno anche in programma di studiare come ogni del conducente cambia lavoro e come influenzano metastasi del cancro.

La ricerca è stata finanziata dal Dipartimento della Difesa Prostate Cancer Research Program (PC073533/W81XH-08-1-0049), il National Institutes of Health (CA58236, CA070196, CA113374, CA135008, GM083084), il cancro alla prostata Fondazione Creatività e Sfide Awards , la Patrick C. Walsh Prostate Cancer Research Fund/Dr. e Mrs. Peter S. Bing Scholarship, la Fondazione V for Cancer Research Martin D. Abeloff V Scholar Award, il tedesco Research Foundation Research Fellowship, la Finnish Academy of Sciences Finnish Distinguished Professor Award, la Fondazione del Commonwealth, il signor David H. Koch , e il Memorial Foundation Irving A. Hanson.

Gli scienziati che partecipano a questa ricerca inclusi Martin Aryee, Julia Engelmann, Philipp Nuhn, Meltem Gurel, Michael Haffner, David Esopi, Rafael Irizarry, Robert Getzenberg, William Nelson, Jun Luo, Jianfeng Xu, e William Isaacs dalla Johns Hopkins; Wennuan Liu dalla Wake Forest University; e G. Steven Bova presso l'Università di Tampere in Finlandia.

Yegnasubramanian, Haffner, Esopi, Nelson, e Isaacs e The Johns Hopkins University hanno brevetti provvisori o completamente realizzati in materia di DNA biomarcatori metilazione nel cancro alla prostata. Yegnasubramanian e Nelson, con The Johns Hopkins University, in possesso di un brevetto per un polipeptide per la rilevazione del DNA metilato. Questo reagente è stato messo a disposizione della comunità di ricerca mediante una licenza non esclusiva con Clontech, Inc., che fornisce royalties a The Johns Hopkins University, Yegnasubramanian, e Nelson dalla vendita dei kit contenenti questo reagente. Gli autori stanno perseguendo la tutela della proprietà intellettuale per i nuovi biomarcatori del cancro alla prostata descritti in questa ricerca.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha