Fissaggio malattia del sangue comune renderebbe trapianti di rene più successo

Marzo 16, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Correzione anemia, una carenza di globuli rossi, può preservare la funzione renale in molti pazienti sottoposti a trapianto di rene, secondo uno studio che appare in un prossimo numero del Journal of the American Society Nephrology (JASN). I risultati indicano che l'anemia aggressivo trattamento possono contribuire a salvare i reni - e possibilmente le vite - di molti pazienti trapiantati.

Anemia comunemente si pone in pazienti con malattie renali, perché i reni secernono la maggior parte della eritropoietina ormone che stimola la produzione di globuli rossi. Anemia è anche una complicazione comune di trapianto di rene, con una prevalenza di 25% al ​​40% dopo il primo anno.

Gabriel Choukroun, MD, PhD (CHU Amiens in Francia) ed i suoi colleghi ha avviato la correzione dell'anemia e la progressione di insufficienza renale nei pazienti con trapianto (CAPRIT) studio per vedere se l'epoetina beta droga (una forma sintetica di eritropoietina) potrebbe aiutare a preservare rene funzione in pazienti trapiantati di rene con anemia. In particolare, i ricercatori hanno testato se correggere completamente l'anemia (normalizzando i livelli di emoglobina, un componente del sangue che trasporta l'ossigeno) è meglio che in parte correggere l'anemia.




Durante lo studio, 63 pazienti sottoposti a trapianto di rene ha preso epoetina beta in modo che i loro livelli di emoglobina sono rimasti nel range di normalità di 13,0-15,0 g/dL, mentre 62 pazienti hanno epoetina beta in modo che i loro livelli di emoglobina aleggiava ad una minore concentrazione di 10,5-11,5 g/dL.

Tra i principali risultati dopo i pazienti sono stati trattati per due anni:

  • 4,8% dei pazienti con anemia completamente corretto sviluppato insufficienza renale, rispetto al 21% dei pazienti con anemia parzialmente corretto.
  • 94,6% dei reni trapiantati in pazienti con anemia corretto completamente erano funzionali, rispetto al 80% in pazienti con anemia parzialmente corretto.
  • I pazienti con anemia completamente corretto sperimentato un significativo miglioramento della qualità della vita a sei e 12 mesi dopo l'inizio della terapia.

"Questo studio dimostra che la correzione dell'anemia in pazienti sottoposti a trapianto di rene con anemia rallenta la progressione dell'insufficienza renale e migliora la sopravvivenza di reni trapiantati", ha detto il dottor Choukroun. Ulteriori studi sono necessari per determinare se questo prolunga anche la vita dei pazienti.

Studio co-autori includono Nassim Kamar, Lionel Rostaing (CHU di Tolosa); Bertrand Dussol (CHU Marseille); Isabelle Etienne (CHU Rouen); Elisabeth Cassuto-Viguier (CHU di Nizza); Olivier Toupance (CHU Reims); François Glowacki (CHU Lille); Bruno Moulin (CHU di Strasburgo); Yvon Lebranchu (CHU Tour); Guy Touchard (CHU Poitiers); Maпtй Jaureguy (CHU Amiens); Nicolas Pallet, Frank Martinez (CHU Necker); e Yannick Le Meur (CHU Brest).

Informativa: Lo studio è stato finanziato in parte da una sovvenzione Roche. Dr. Choukroun ricevuto onorari da Roche per conferenze e una sovvenzione per la ricerca clinica.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha